iPhone 8, 8 Plus e X: la nuova sfida (vincente) targata Apple

iPhoneX_ok.png

L’argomento più gettonato settimana scorsa, in particolare sui social network, è stato il nuovo spot della Buondì Motta che ha fatto indignare!1! il web. Quello di questi giorni, invece, è indubbiamente il neonato in casa Cupertino: l’iPhone 8 e l’iPhone X.

Ogni qualvolta la Apple presenta il suo nuovo smartphone genera subito un flusso enorme di curiosità, chiacchiere, articoli, stupore, ma anche critiche, in particolare per i prezzi che stanno ormai superando quelli degli stessi Mac. Ma andiamo ora a vedere più nel dettaglio questi nuovi melafonini.

L’iPhone 8 e il suo fratello 8 Plus sono la diretta evoluzione del 7, rivisitati nel design e dotati del vetro “più resistente mai visto su uno smartphone”, oltre che di un’aura potentissima che li proteggerà da acqua e polvere. Con un display Retina HD rispettivamente da 4,7″ e 5,5″ e una fotocamera da 12MP (il Plus ce l’ha doppia), vi garantiranno un’esperienza visiva ancora migliore rispetto le versioni precedenti.

Un modello completamente nuovo è, invece, l’iPhone X, ideato per celebrare i primi 10 anni di questo straordinario smartphone e con un parte frontale completamente rinnovata: ricoperta per intero dallo schermo – fatta eccezione per la barra con fotocamera e sensori – presenterà un display OLED (non più LCD) offrendo così migliori risultati in termini di colori e, soprattutto, di batteria. Quello che balza di più all’occhio, tuttavia, è l’assenza del tasto Home, diventato virtuale e implementato di un nuovissimo (e chiacchieratissimo) sistema di riconoscimento facciale, Face ID, che realizzerà una mappa tridimensionale della faccia del proprietario permettendo di sbloccare l’iPhone X guardando semplicemente lo schermo. Assurdo…

Questi nuovi smartphone potremo ricaricarli wireless, appoggiandoli su un particolare dispositivo ad hoc, e saranno disponibili in date differenti: l’8 e l’8 Plus dal 22 settembre con un prezzo di partenza di 839€, mentre per l’X, invece, bisognerà aspettare il 3 novembre, forse per preparare per bene il portafoglio degli acquirenti, da cui usciranno almeno 1.189€. Due spicci…

Un anno importante per la mela più famosa al mondo che, contemporaneamente, ha presentato al pubblico l’Apple Watch 3 dotato di SIM e che, per la prima, volta si prepara a mettere in vendita tre modelli differenti di smartphone, di cui uno totalmente “indipendente” dagli altri. Una semplice applicazione scolastica del marketing? Uno specchietto per le allodole? Staremo a vedere come risponderà il mercato…

Voi, invece, siete interessati ad acquistare uno di questi nuovissimi strumenti hi-tech? Fatecelo sapere qui!

 

Matteo

Annunci

Buondì Motta e lo spot che ha fatto indignare!1!1! il web!

Buondì.jpg

È sicuramente l’argomento della settimana, sta facendo parlare ovunque, dalla radio alla televisione, passando per vicini di casa, colleghi e, ovviamente, per il sempre allegro e divertente web, pullulante di buongiornissimi kaffè indignatissimi!1!1!

Mi sto riferendo al super nuovo spot della Motta realizzato per uno dei suoi prodotti più noti, il Buondì, quella soffice merenda cosparsa di granelli di zucchero che 10 anni fa mi tartassava con una pubblicità dove un uomo in pigiama sanciva probabilmente la fine della sua carriera televisiva a suon di “buondì, buondì, buondì, buondì!”.

Ecco, a quei tempi la mia voglia di acquistarne uno era pari a zero, gli avrò preferito anche le brioche sottomarca dell’Auchan, ma ora la mia Idea è un po’ cambiata, grazie a una pubblicità finalmente diversa dal solito stereotipo della ridente colazione tra famigliari e parenti. Dai, chi cavolo è felice e sorridente alle 7 di mattina prima di andare a lavoro/scuola? Boh….

Bando alle ciance, andiamo a vedere il doppio spot targato Motta, ma che sicuramente avrete già visto:

La protagonista di queste 2 pubblicità è, quindi, una gioiosa bambina che condanna a morte i propri genitori facendogli dire una “bestemmia”, ossia che non può assolutamente esistere “una colazione che combina leggerezza e golosità”… e si dice che ce ne sia un’altra pronta ad essere lanciata (forse con un postino) e già volo 🚀

Poteva passare inosservata la finta morte di due genitori in uno spot televisivo? Ovvio che no e, infatti, fin da subito sono stati centinaia i commenti degli indignati!1!1!, soprattutto di genitori sconvolti!1!1! davanti a cotanto orrore:

commenti_Buondì.jpg

Ecco così un’ondata di gente indignata per la morte di questi due malcapitati genitori, gente che non sa distinguere la finzione dalla realtà e che, probabilmente, passa i pomeriggi in compagnia di Barbara D’Urso, prendendo per vera qualsiasi notizia leggano sul magico internet. Che problema c’è a fare una pubblicità diversa dal solito e che punta sull’ironia? Invece che apprezzare lo svecchiamento di un prodotto presente sul mercato da più di 60 anni, voglioso di far risalire le vendite – probabilmente non molto rosee dell’ultimo periodo – tramite una comunicazione fuori dalle righe e che fin da subito ha fatto parlare chiunque (primo obiettivo raggiunto), preferiscono indignarsi, a quale scopo poi non si sa. Ah sì, forse uno c’è: farci passare momenti epici davanti al pc 😂

Voi che avete commentato in quel modo irritante (e sgrammaticato) vi meritate le pubblicità di occhiali anti-ottico regolabili con rotella o di penne magiche per cancellare le righe che giustamente avete sulla vostra auto. Cercate di non indignarvi per ogni cosa e prendete la vita con un sorriso, un po’ come ha fatto la protagonista di questa eccentrica pubblicità che in poco più di una settimana ha fatto i NUMERONI sul web: +2.000.000 di views su YouTube, alle quali si aggiungono le +900.000 views (+30.000 interazioni) su Facebook e la grande mole di ricerche (e articoli correlati) sui motori di ricerca.

Schermata 09-2458002 alle 11.18.52.png

Potrei andare avanti ancora a scrivere dei pro di questa pubblicità, ma sinceramente, per la prima volta nella mia vita, mi è venuta voglia di mangiare un Buondì e perciò andrò al supermercato qua dietro a comprarmene una confezione, forse due (secondo obiettivo raggiunto).

Ah, non contenti, ci hanno dato anche il backstage dello spot. Buona visione!

 

Matteo

YouTube si rinnova e cambia veste: scopri le novità!

youtube-nuovo.jpg

Mentre Taylor Swift ottiene 43,2 milioni di visualizzazioni in 24 ore con il nuovo singolo “Look What You Made Me Do”, battendo il precedente record di Psy (38 milioni conquistati con il tormentone “Gentleman”), YouTube decide di rinnovarsi!

È di questi giorni, infatti, il restyling grafico da parte della celebre piattaforma web di streaming video utilizzata ormai da più di 1 miliardo di utenti.

La prima novità che balza subito all’occhio è indubbiamente il logo che cambia veste dopo 12 anni, ossia dalla sua nascita, 14 febbraio 2005. Dalla scritta in due colori, con “tube” immerso nel rosso, ora si è passati ad una scritta total black preceduta dalla sua icona identificatrice.

Il layout è cambiato sia nella versione mobile che da desktop, con l’aggiunta della versione dark per far riposare gli occhi o per risparmiare batteria.

Sono state introdotte, poi, alcune importanti novità che riguarderanno la riproduzione dei video:

  • Formato video: il player si adatterà automaticamente alla forma del video che si sta guardando.
  • Doppio tap: schiacciando in un video due volte a destra o a sinistra potrete mandare avanti o indietro di 10 secondi.
  • Velocità: è possibile regolare la velocità di riproduzione del video.
  • Suggerimenti: puoi scopri altri video mentre ne stai guardando uno a schermo pieno.

«Per dirla con parole semplici – ha spiegato lo Chief Product Officer, Neal Mohan – YouTube ne ha fatta di strada e molta ancora ne ha da fare. Negli ultimi mesi abbiamo iniziato a rilasciare aggiornamenti, che proseguiranno nel corso dell’anno, tramite i quali introdurremo nuove funzionalità e una grafica più uniforme sia sui dispositivi mobili sia su quelli desktop».

Prepariamoci a vedere ulteriori modifiche in YouTube, desideroso, dunque, di dare del filo da torcere a Facebook nella condivisione dei video online, e se avete un canale, seguiteci!

 

Matteo

Il Marketplace di Facebook è arrivato in Italia: ecco come funziona!

facebook_marketplace.jpg

Ve lo ripetiamo spesso, ma ve ne sarete accorti sicuramente anche voi: Facebook è costantemente in aggiornamento, nuovi servizi e layout vengono aggiunti quasi giornalmente, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza degli utenti… e il portafoglio di Mark!

Dopo il Trova Wi-Fi, ecco un’altra importantissima novità arrivata finalmente in Italia e che, molto probabilmente, cambierà il mercato online: il Marketplace.

21015982_1208343109270323_4021850171598730600_o.jpg

Cosa è e come funziona? Andiamo a vederlo assieme!

Facebook Marketplace è una piattaforma che ricorda eBay, in quanto composta da una serie di prodotti caricati direttamente dagli utenti tramite foto, informazioni e prezzi (spesso messi come specchietto per le allodole) e che gli interessati potranno comprare inviando un semplice messaggio al venditore.

Dopo aver esordito negli Stati Uniti – dove a maggio sono stati pubblicati circa 18 milioni di post! – dal 14 agosto è così disponibile in 17 paesi europei, tra cui anche l’Italia. Lo trovate sia da dekstop in alto a sinistra (sotto Notizie e Messanger) che sui dispositivi iOs o Android, in base agli aggiornamenti disponibili sul vostro smartphone.

Al suo interno potrete cercare – o vendere – prodotti filtrandoli per categoria, prezzo e località, avendo sempre davanti una schermata con annunci influenzati dai vostri interessi, decisi dal solito fantomatico algoritmo di FB che tiene conto delle interazioni con le pagine e delle ricerche effettuate in questa nuova piattaforma

Dandoci un’occhiata veloce, potrete vedere veramente di tutto, ma solo se avete più di 18 anni. Siete pronti a fare shopping su Facebook? Fatecelo sapere qui!

Matteo

Le funzioni nascoste di Facebook: il Trova Wi-Fi

facebook_wifi.jpg

Quasi giornalmente il nostro app store di fiducia ci offre degli aggiornamenti per Facebook, spesso irrilevanti (piccoli bug) ma a volte importanti e ricchi di novità a livello di usabilità e layout. Tra questi ultimi, tuttavia, ce ne sono alcuni che vengono introdotti in sordina, senza dichiarazioni di facciata o cose simili: un esempio è la funzione Trova Wi-Fi, introdotta di recente e pronta ad offrire diversi vantaggi sia per utenti che per aziende.

Come? Andiamo a scoprirlo assieme!

Facebook_Trova_Wi-Fi.jpg

Innanzitutto, cliccando da mobile sull’icona del menù in alto a destra – sì, Facebook ha di recente cambiato un’altra volta il suo layout – e scorrendo in basso col dito, troverete la voce Trova Wi-Fi (novità) che permette di trovare “wi-fi pubblico e gratis ovunque tu sia”. Per usufruire del servizio bisogna, ovviamente, fare quella cosa che non tutti amano: attivare perennemente la localizzazione sul social con la f bianca su sfondo blu.

Dopo questo click decisivo, avrete tra le mani una mappa che vi mostrerà locali, negozi e luoghi pubblici presenti nelle vicinanza e provvisti di una connessione gratuita a.k.a. il desiderio più grande di uno smartphone addicted del 2017, 2018, 2019, 2020….

Un vantaggio enorme per l’utente medio di FB, ma non solo! Grazie a questo servizio, i proprietari dei locali e negozi con free wi-fi potranno mettere a disposizione degli utenti informazioni come nome, tipologia di locale e orari di apertura e, soprattutto, hanno la possibilità di attirare “gratuitamente” nuovi potenziali clienti!

Trova Wi-Fi è già disponibile da qualche settimana sull’app di Facebook sia iOs che Android e chissà che in futuro non porterà con sé altre novità. Restate connessi sulla nostra pagina Facebook per saperlo!

 

Matteo

Arriva Spark, il social network di Amazon

social_amazon.jpg

Giusto settimana scorsa vi ho parlato di alcuni nuovi social network nati negli ultimi mesi. Ecco, a quella lista se ne aggiunge un altro bello grosso, in quanto di proprietà di un colosso mondiale: Amazon.

Il noto sitoweb su cui giornalmente milioni e milioni di utenti acquistano ogni tipo di cosa, ha deciso di realizzare un social che permetterà ai propri di postare foto e video di ogni tipo, con la possibilità di aggiungere link diretti all’e-commerce americano. Gli iscritti potranno ovviamente dare una valutazione ad ogni prodotto postato, con un like, un commento o uno smile.

Spark

Amazon Spark is a place to discover things from people who share your interests”, così è definita questa sorta di ibrido tra Instagram e Pinterest che, attualmente, è disponibile solo negli Stati Uniti per i clienti Prime con dispositivi iOs, anche se probabilmente nei prossimi mesi si estenderà maggiormente.

Un interessante novità per Amazon, ma avrà vita lunga questo nuovo social network? Staremo a vedere e per rimanere aggiornato continua a seguirci!

 

Matteo

5 nuovi social network diversi dal solito…

gestione_social.jpg

Settimanalmente leggo di nuovi social network lanciati sul “mercato” da start-up o da imprenditori vogliosi di aumentare in qualche modo il proprio fatturato. Ho pensato, perciò, di farvene vedere qualcuno che magari potrà interessarvi o vi farà semplicemente dire “machissenefrega Matteo, non hai niente di meglio da fare?”. La risposta è no e, così, eccovi qua questi 5 social diversi dal solito:

FirstLife

Un social estremamente locale: First Life è infatti rivolto a utenti e operatori di iniziative e progetti piemontesi. Sviluppato di recente dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino, permetterà di sostenere le reti culturali e turistiche del Piemonte. Per maggiori informazioni sul “social network civico” cliccate qui.

Facecjoc

È il social network italiano dei dialetti, ideato dall’informatico Gianluca De Bortoli per offrire ai suoi utenti traduzioni locali e alcune caratteristiche da sempre desiderate da chi utilizza quelli più famosi: il tanto bramato tasto Non Mi piace sui post, la possibilità di personalizzare graficamente il proprio profilo e il dato su chi l’ha effettivamente visitato. Se siete in qualche modo interessati, iscrivetevi qui.

Lego Life

Questo è dedicato a tutti i bambini fan dei mattoncini colorati più famosi al mondo che, grazie a questo nuovo social ideato da Lego, potranno connettersi con coetanei in diversi Paesi del mondo per condividere le proprie migliori costruzioni. Niente info personali o immagini vere, ma soltanto mattoncini. Trovate Lego Life nel vostro app store.

BePuppy

Dai bambini agli animali domestici, ecco BePuppy, un social esclusivamente dedicato a chi possiede un cane, un gatto, un coniglio, un ermellino, un coccodrillo etc… Con il supporto di blog con informazioni utili e una funzione di geolocalizzazione unita al servizio di alert – utile in caso di animali ritrovati o segnalazioni di pericolo – sta ricevendo molti consensi. Per iscrivere il vostro amato animale cliccate qui.

NerdUs

Chiudiamo con un altro social network italiano, aperto proprio in questi giorni, per la precisione il 15 luglio. Come potete immaginare dal nome, è centrato principalmente sul mondo dei videogame ed è stato ideato per un obiettivo: “creare uno spazio internet, dove nessuna persona venga offesa, derisa o trascurata solo perché gioca ai videogame ed è distante dal mondo della realtà”. Amici nerd interessati, cliccate qui.

Qual è il vostro preferito? Se ne conoscete altri fateceli sapere sulla nostra pagina Facebook!

 

Matteo