Perché Instagram sarà il nuovo Facebook.

INSTAGRAM continua a crescere e lo fa a discapito di Facebook, per lo meno dal punto di vista business, secondo una ricerca di OLAPIC e L2, (la prima società di occupa di  monitorare le azioni dei tuoi clienti sul web per generare più condivisione [engagement]; la seconda fa business intelligence sul web, ovvero spia la rete e ne classifica le interazioni, facendone statistiche e report).[1]

Per stilare il report sono state valutate le performance di 250 marchi appartenenti a 9 categorie. Ecco i risultati.

La frequenza dei post su Instagram è cresciuta del 23% negli ultimi cinque trimestri con la media di 9 post per settimana nell’ultimo trimestre del 2014.

Nello stesso periodo, i post (business) su Facebook sono calati: da una media di 11 post a settimana, a otto.

Le recenti variazioni dell’algoritmo di casa Zuckerberg, oltre a mandare ai matti centinaia di socialmediaSuperFantaMegamanager, hanno fatto scemare l’interesse e le interazioni organiche dei marchi con pagine sotto i … Pronti?… 500 mila followers!

Per contro non sembra esserci relazione tra il numero dei followers/seguaci e le interazioni su Instagram. E quindi, ecco spiegato il giro di boa. Se su Facebook per avere risultati degni di nota, tocca superare il mezzo milione di seguaci a pagina, su Instagram non serve. Per lo meno non per generare interazioni, più importanti, e molto, dei like e del numero di seguaci. [3]

Cosa significa?

L’articolo originale chiude con la scoperta della cara-vecchia-e-amatissima acqua calda:

“Likewise, marketers learned their lesson and are focusing on content quality rather than followers.”

Cioè? Sembra proprio che i markettari siano stati costretti a imparare la lezione e si stiano quindi concentrando su contenuti di qualità piuttosto che sul numero di follower.

Ah, già, un’ultima cosa: Instagram ha superato anche Twitter, per lo meno sul numero di utilizzatori da mobile.

Dettaglio (senza ulteriori commenti): da settembre 2012, due anni dopo la fondazione, Instagram è di Facebook.

[1]

The Instagram Intelligence report evaluated 250 brand strategy performances in nine categories. According to the report, the frequency of brand posts on Instagram has increased 23 percent over the last five quarters with the average frequency of nine posts per week during Q4 2014. During the same time period, brand posts on Facebook have decreased, from an average of 11 posts per week in Q4 2013 to eight posts per week in Q4 2014.


[3] By contrast, there is no negative relationship between follower count and engagement on Instagram. As a result, marketers are turning to Instagram for organic reach, according to the report. Likewise, marketers learned their lesson and are focusing on content quality rather than followers


According to visual marketing platform Olapic, Instagram is going to become the most powerful social media network of 2015. While there is data to suggest that brand adoption is not keeping pace with Instagram growth, a recent report from Olapic and market research firm L2 indicates that more brands are choosing Instagram over Facebook.

FONTI

Autore:

Roberta Giulia Amidani (scrittrice arruolata da e per IDEAGENCY marketing e comunicazione a Brescia).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...