Come farti capire dalla tua agenzia di comunicazione. In sette passi.

Farti capire dalla tua agenzia di comunicazione è perfino più complicato che con tua suocera? Tu chiedi un logo bianco e loro te ne mandano uno verde, uno Cian e due in Magenta? Per quanti sforzi tu faccia, non riesci a comunicare con loro o non come vorresti?

Se ti sei trovato in una situazione simile, o ci sei ora, noi ti capiamo e se ti capiamo è perché da noi, in questi (quasi) undici anni, ne abbiamo viste e sentite di tutti i colori.

Il rapporto fra cliente e agenzia è molto delicato. Per almeno tre motivi:

  1. LINGUA
    • cliente e agenzia (purtroppo) spesso non parlano la stessa lingua. Il purtroppo punta il dito all’agenzia e scagiona il cliente. Chi si deve allineare è l’agenzia, non sei tu. Se chi parla con te usa termini tecnici, senza spiegarteli è un cretino ed è quanto di più lontano dal profilo ideale di un buon comunicatore.
  2. TEMPI
    • il lavoro della tua agenzia è fare comunicazione, il tuo no e non essendolo, non puoi conoscere i tempi di realizzazione del loro. Sta all’agenzia spiegarteli e concordare con te la consegna che ti fa comodo, con onestà e professionalità.
  3. UMANITà
    • nelle agenzie di comunicazione di solito, a parte gli esperti SEO e i nerd del web, lavorano degli esseri umani. Tu sei un essere umano. Ed entrambi siete incredibilmente in grado di sbagliare, di fraintendervi, di innervosirvi per niente.

Quindi? Se la tua agenzia non ti capisce e/o tu non capisci loro, prova a rivedere le modalità di comunicazione. Le tue. Se poi non funziona, sei sempre in tempo a cambiare il cavallo.

  1. Quando LORO usano parole tecniche, FERMALI e chiedi spiegazioni. Se insistono, minacciali. Alla seconda richiesta, ricorda loro che occupandosi di comunicazione, dovrebbero per lo meno saper comunicare con te e che la prima regola del marketing dice che se non parli la lingua del tuo cliente, quello non solo non ti sente, ma nemmeno ti ascolta.
  2. Quando TU – usando termini specifici – vedi il vuoto cosmico nei loro occhi, FERMATI. Sii paziente e spiegati. Fallo come faresti con un ragazzino di dodici anni. Fallo come vorresti lo facessero loro.
  3. Quando hai un’emergenza, o un’urgenza, diglielo, ma ricordati che se i tuoi contatti e richieste sono sempre URGENTI, non lo sarà mai più nessuna.
  4. Fa’ in modo di sentirli spesso. Almeno una volta ogni quindici giorni. Aggiornali, racconta gli ultimi eventi, tienili sul pezzo. Loro lavorano per te, ma non solo per te e se non sono loro a chiamarti, fallo tu. Li aiuterai ad avere materiale da condividere o su cui riflettere.
  5. Quando fai una richiesta, parla dell’obiettivo, della finalità che hai in mente, dei clienti che vuoi raggiungere e dell’effetto che sogni. Se hai un’idea che ti sta a cuore, riguardo alla realizzazione, raccontagliela, ma non sostituirti a loro e fidati della professionalità che hai scelto. Ovvero: lascia che facciano il lavoro per cui li paghi. 
  6. Fidati del loro impegno, ma controlla: tieni d’occhio i risultati, chiedi verifiche periodiche (soprattutto se si tratta di web, posizionamento, traffico e social).
  7. Sii elastico: la comunicazione è sempre a due fronti; non farti nemmeno (troppi) scrupoli: se non gira e il rapporto con l’agenzia t’interessa, prova a sistemarlo e se ancora non passa, cambia.
Annunci

One thought on “Come farti capire dalla tua agenzia di comunicazione. In sette passi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...