Presentazioni, brochure e pieghevoli: LESS IS MORE.

Quando parliamo di company profile, brochure, depliant e compagnia cantanti, allungare il brodo difficilmente paga.

Oggi ti spieghiamo perché.

  1. Quando scrivi troppo, rischi che il tuo testo non venga letto.
  2. Quando ripeti lo stesso concetto ottantordici volte (sia pure con le parole diverse del tuo bravissimo copy), diventi ridondante.
  3. Quando diventi ridondante, è un attimo passare dalla ridondanza alla retorica e dalla retorica al luogo comune.
  4. Se hai allungato il brodo, sei scivolato nella retorica e il tuo testo è un pout-pourrì di luoghi comuni, e il tuo copy ti dice che si fa così, che “bisogna scrivere tanto”, sei autorizzato a cambiare copy. E magari agenzia.

Quindi, quanto?

… Quanto testo ci deve essere?

Dipende. Dallo “strumento”…

Se pensi a un company profile e la tua è una PMI, generalizzando, sette otto righe per sezione sono sufficienti. L’essenziale è che contenga le informazioni utili a chi ti legge, meglio se pensate per chi ti legge e magari sta pensando se sceglierti o no.

Se invece ti serve un pieghevole, la regola aurea è “less is more”, ovvero: meno scrivi, meglio è. Lo scopo di un pieghevole è stuzzicare l’interesse e la curiosità del lettore, non esaurire la sua pazienza.

🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...