Stampati (male)

editoria-7

La pubblicità cartacea, è innegabile, ha subìto un grosso ridimensionamento con l’avvento di internet, venendo superata (di gran lunga) da quella online. Questo però non significa che la comunicazione cartacea sia ormai poco utile o scarsamente utilizzata: brochure, cataloghi, flyer, volantini, dépliant, immagine coordinata (biglietti da visita, carta intestata, buste). Tutti elementi che sono ancora fondamentali, utili alla riconoscibilità di un’azienda e influenti nel mondo della pubblicità.

Qualcuno sembra però non pensarla così, spendendo il 90% delle risorse nella pubblicità online, e lasciando così le briciole al cartaceo. Risultato? Pubblicità online efficace (se ci si è affidati alle persone giuste), e pubblicità cartacea che richiama il paleolitico e invoglia chi legge a destinarla al caldo fuocherello acceso in salotto, che proprio in quel momento necessita di essere alimentato.

Il primo elemento che salta subito all’occhio è il testo, con i più brillanti che, ai loro stampati, non fanno mancare eleganti errori grammaticali. Se questi non sono presenti, spesso ci si trova comunque di fronte a errori nell’utilizzo della punteggiatura, oppure periodi troppo lunghi, che, se letti a voce, rischiano di procurare l’infarto.

Gli errori nel testo sono i più facili da identificare, ma ve ne sono altri, meno evidenti, che, specialmente da gente del settore, vengono notati, e che fanno fare una pessima figura.

In primis, molte aziende non seguono (o non hanno) il proprio coordinato: no, non è una persona da seguire, il coordinato, o immagine coordinata, comprende diversi elementi molto importanti. Tra questi troviamo: i colori del marchio dell’azienda, il carattere utilizzato, il “font”, la scelta dei colori, la struttura dell’impaginazione, lo studio della grafica di tutto il materiale utile e, di conseguenza, l’abbinata della stessa logica su formati digitali.

Nondimeno, è fondamentale anche il ruolo della carta e ciò che gli gravita intorno: alta o bassa qualità? Il formato è adatto al tipo di pubblico verso cui ti rivolgi? La rilegatura è realizzata correttamente? O equivale alla peggio graffettatura fatta in casa? La sovraccoperta è all’altezza?

La pubblicità cartacea vuole la sua parte, e il 10% non basta.

Enrico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...