Mark Zuckerberg, l’acchiappatutto

mark.jpg

C’era una volta internet, con i suoi tanti motori di ricerca e siti web cliccati giornalmente da milioni e milioni di utenti, ora c’è Facebook – o forse è più corretto dire – ora c’è Mark Zuckerberg.

Dal giorno della sua fondazione, 4 febbraio 2004, ad oggi, il buon Mark ha cambiato e migliorato il suo giocattolino una miriade di volte, facendolo diventare il terzo sito più cliccato al mondo – dietro solo al colosso Google/YouTube – con un contemporaneo ingigantirsi del suo conto in banca: questo giovane ragazzo nato a White Plains, NY, nel 1984, è divenuto nel giro di pochi anni una delle persone più ricche al mondo, con un patrimonio stimato di 61,4 miliardi di dollari; due spicci insomma…

Uno dei suoi punti di forza è sicuramente la strategia con cui sfida la concorrenza. I competitor finiti sotto i suoi potentissimi radar sono già diversi: uno dei primi è stato Instagram, acquistato direttamene da Facebook nel 2012 per la modica cifra di 1 miliardo di dollari e reso ancora più forte di quanto non fosse prima, grazie anche ad uno dei suoi ultimi aggiornamenti: le Instagram Stories. L’estate scorsa ha infatti “copiato” un po’ il nemico Snapchat, condannandolo ad una morte certa, o quasi, e fa un po’ sorridere pensare che il co-fondatore dell’applicazione con il fantasma, Evan Spiegel, nel 2013 ha rifiutato la bellezza di 3 miliardi di dollari per l’acquisto da parte di Mark, affermando che “sono pochi per la mia app”. Risultato? Instagram – e ora anche Facebook – ha incorporato il suo elemento distintivo, facendo così calare drasticamente l’utilizzo di Snapchat da parte dei giovani utenti.

Non contento, poco dopo, Mark ha puntato un altro social, LinkedIn, implementando tra le tante feature di Facebook la possibilità di offrire e cercare posti di lavoro. Per saperne di più potete leggere il nostro recente articolo cliccando qui.

Ma ovviamente non si ferma qui: se li utilizzate spesso, nelle ultime settimane avrete visto un aggiornamento dietro l’altro nei suoi due social network – compreso WhatsApp – sintomo che i giochi non sono ancora terminati, anzi, forse sono solo appena iniziati. Avete visto com’è cambiato da desktop lo strumento di ricerca di Facebook? Non vi ricorda un po’ quello di Google? Avete notato, infine, quanto sta puntando sulle notizie e sulla lotta alle fake news? È proprio di questi ultimi giorni la nuova icona a forma di razzo, visibile nella versione mobile di Facebook, che porta tutti gli utenti in un secondo news feed colmo di articoli e video selezionati direttamente da FB.

Insomma, piano piano, anno dopo anno, aggiornamento dopo aggiornamento, Mark Zuckerberg si sta trasformando in…Internet. Tenetevi pronti e per rimanere aggiornati sulle sue novità seguiteci sulla nostra pagina!

Matteo

Annunci

Un pensiero su “Mark Zuckerberg, l’acchiappatutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...