Stanchi di Facebook e Instagram? Provate Vero – True Social!

vero_social.png

È tutto Vero! I social network a nostra disposizione non smettono di nascere. Da pochissime ore, infatti, sta facendo un boom di iscritti Vero – True Social, una nuova piattaforma nata dalla start up fondata nel 2015 dal multi milionario libanese Ayman Hariri assieme a Motaz Nabulsi e Scott Birnbaum, tre personaggi che con i soldi non hanno alcun problema.

In cosa consiste questo nuovo social? Noi lo abbiamo provato e ora vogliamo presentarvelo.

Una volta scaricato dallo store (iOs o Android) bisogna come di consueto inserire un nome, una mail, una password e un numero di telefono (obbligatorio) per verificare il profilo. Fatto ciò, sarete ufficialmente un utente… Vero (quanto sono simpatico).

Nella sua presentazione che abbiamo trovato online sono riportati tre importanti punti che lo differenziano da Facebook, Instagram e compagnia bella e che, dopo qualche minuto di smanettaggio con l’app, sono stati confermati:

  • Non è presente alcuna pubblicità;
  • Non ci sono pagine, ma solo profili a.k.a. gli influencer dubitiamo arriveranno al uso interno;
  • I post si vedono in ordine cronologico a.k.a. niente algoritmo (per ora, almeno…)

L’usabilità è molto semplice e intuitiva e vi è ovviamente la possibilità di aggiungere amici dalla rubrica che hanno già Vero o cercarli tramite la barra di ricerca. Quando trovate il fortunato che potrà connettersi con voi, davanti avrete due opzioni: segui (come su Facebook) e connessione, la quale permetterà di diventare CONOSCENTE, AMICO o, udite udite, AMICO INTIMO.

C’è ovviamente un profilo privato personale – che gli amici potranno presentare sulla loro bacheca lol – su cui potrete condividere diversi contenuti aggiungendo una descrizione, emoticon e hashtag:

  • Foto e video con la fotocamera (modificabili anche con filtri e strumenti vari in stile Instagram)
  • Link a siti esterni;
  • Musica, scegliendo dalla libreria di iTunes che permetterà di pubblicare un brano/album offrendo agli amici un’anteprima da ascoltare;
  • Film o programmi TV presi da themoviedb.org
  • Libri presi da iBooks;
  • Luogo in cui siete, offrendo la possibilità di scegliere una foto già presente su Foursquare, Bing o una del proprio rullino foto.

Di seguito due esempi di post condivisi: una foto e un brano musicale di 50 Cent (se non lo conoscete, non aggiungetemi)  che potete commentare e apprezzare con un ❤, niente tasto condividi.

 

Vero è gratuito per dodici mesi e, una volta terminati, bisognerà pagare una cifra annuale se si vorrà continuare a usarlo, dopo tutto se non hanno advertising in qualche modo quel nulla tenente che l’ha creato dovrà campare…

E voi che fate, lo proverete? Ma soprattutto, Zuckerberg quanto ci impiegherà ad acquistarlo o copiarlo? Staremo a vedere e, se sbarcherete su Vero – True Social, fatecelo sapere qui.

 

Matteo

Annunci