Festa della Donna: le migliori campagne di quest’anno

best_campagne

Si sa, ogni nuova festività o ricorrenza prende il posto di quella precedente, rendendo così veramente breve – rispetto l’impegno e il lavoro dedicatoci – la vita di uno spot o di un post sui social network.

Settimana scorsa il focus delle campagne pubblicitarie di tutto il mondo è stato l’8 marzo per la Festa della Donna e, come sempre succede, ce ne è sempre qualcuna degna di nota o che semplicemente ci ha strappato un sorriso.

Di seguito vi proponiamo le migliori:

Nike

La fortissima Serena Williams come testimonial della forza delle donne per questo breve ma emozionante spot pubblicitario realizzando dal brand col baffo.

McDonald’s

La nota catena di fast food ha pubblicizzato una delle filiali gestiti da una donna in carriera – lei e i suoi figli ne gestiscono diciotto –  svelandoci alla fine come la celebre insegna a forma di M fosse stata per l’occasione ribaltata divenendo, così, una W, iniziale della parola women.

KFC

Il colonnello Sanders è andato in ferie per un giorno lasciando le redini a sua moglie  Claudia Sanders. Da questo bel gesto KFC Malesia, ha realizzando per l’occasione uno spot pubblicitario sottolineando l’importanza di Claudia e ringraziando le numerose donne assunte dallo storico rivenditore di pollo fritto, il cui numero nello stato del sud-est asiatico supera quello dei colleghi maschi.

Ceres

Non solo spot pubblicitari. Molti brand preferiscono “limitarsi” a postare contenuti a tema per celebrare le varie festività. Una delle più reattive è senza dubbio Ceres, capace ogni volta di realizzare immagini uniche e ironiche. Guardare per credere 🙂

Schermata 2018-03-16 alle 12.10.12

Concludiamo con una carrellata di loghi rivisitati per l’occasione da diversi brand internazionali. Fateci sapere QUI quali sono i vostri preferiti.

popular-logos-revamped-for-womens-day-04-1

372639_1_800

372639_3_800372639_4_800

 

Matteo

Annunci

Stanchi di Facebook e Instagram? Provate Vero – True Social!

vero_social.png

È tutto Vero! I social network a nostra disposizione non smettono di nascere. Da pochissime ore, infatti, sta facendo un boom di iscritti Vero – True Social, una nuova piattaforma nata dalla start up fondata nel 2015 dal multi milionario libanese Ayman Hariri assieme a Motaz Nabulsi e Scott Birnbaum, tre personaggi che con i soldi non hanno alcun problema.

In cosa consiste questo nuovo social? Noi lo abbiamo provato e ora vogliamo presentarvelo.

Una volta scaricato dallo store (iOs o Android) bisogna come di consueto inserire un nome, una mail, una password e un numero di telefono (obbligatorio) per verificare il profilo. Fatto ciò, sarete ufficialmente un utente… Vero (quanto sono simpatico).

Nella sua presentazione che abbiamo trovato online sono riportati tre importanti punti che lo differenziano da Facebook, Instagram e compagnia bella e che, dopo qualche minuto di smanettaggio con l’app, sono stati confermati:

  • Non è presente alcuna pubblicità;
  • Non ci sono pagine, ma solo profili a.k.a. gli influencer dubitiamo arriveranno al uso interno;
  • I post si vedono in ordine cronologico a.k.a. niente algoritmo (per ora, almeno…)

L’usabilità è molto semplice e intuitiva e vi è ovviamente la possibilità di aggiungere amici dalla rubrica che hanno già Vero o cercarli tramite la barra di ricerca. Quando trovate il fortunato che potrà connettersi con voi, davanti avrete due opzioni: segui (come su Facebook) e connessione, la quale permetterà di diventare CONOSCENTE, AMICO o, udite udite, AMICO INTIMO.

C’è ovviamente un profilo privato personale – che gli amici potranno presentare sulla loro bacheca lol – su cui potrete condividere diversi contenuti aggiungendo una descrizione, emoticon e hashtag:

  • Foto e video con la fotocamera (modificabili anche con filtri e strumenti vari in stile Instagram)
  • Link a siti esterni;
  • Musica, scegliendo dalla libreria di iTunes che permetterà di pubblicare un brano/album offrendo agli amici un’anteprima da ascoltare;
  • Film o programmi TV presi da themoviedb.org
  • Libri presi da iBooks;
  • Luogo in cui siete, offrendo la possibilità di scegliere una foto già presente su Foursquare, Bing o una del proprio rullino foto.

Di seguito due esempi di post condivisi: una foto e un brano musicale di 50 Cent (se non lo conoscete, non aggiungetemi)  che potete commentare e apprezzare con un ❤, niente tasto condividi.

 

Vero è gratuito per dodici mesi e, una volta terminati, bisognerà pagare una cifra annuale se si vorrà continuare a usarlo, dopo tutto se non hanno advertising in qualche modo quel nulla tenente che l’ha creato dovrà campare…

E voi che fate, lo proverete? Ma soprattutto, Zuckerberg quanto ci impiegherà ad acquistarlo o copiarlo? Staremo a vedere e, se sbarcherete su Vero – True Social, fatecelo sapere qui.

 

Matteo

Black Future Social Club: l’evento a cui puoi partecipare solo se hai 1.000 follower!

netflix_black_future.jpg

Netflix ha da poco lanciato la quarta stagione di “Black Mirror“, una delle sue serie TV maggiormente di successo e che racconta gli effetti che in futuro potranno avere la tecnologia e i social network su tutta quanta l’umanità.

Se non l’avete mai vista, non voglio farvi alcuno spoiler e vi invito caldamente ad iniziare a vederla. Con questo blog post voglio presentarvi, invece, un evento unico nel suo genere targato proprio Netflix e Black Mirror. Perché ve ne parlo qua? Perché i social network – pane quotidiano in Ideagency – sono al centro di questo incredibile avvenimento che si terrà al BASE di Milano, sabato 12 e domenica 13 gennaio.

Partecipazioni? Dress code? Nulla di tutto ciò, ma solo una “piccola” imposizione da parte degli organizzatori: per entrare devi avere almeno 1.000 follower su Instagram!

Ecco come è stato presentato il già chiacchieratissimo Black Future Social Club:

#Instafood e #Foodporn (due degli hashtag più utilizzati su Instagram) saranno al centro di questo evento che vi potrà far entrare nel futuro di “Black Mirror” e su cui non ci sono tanti altri dettagli, se non quelli intuibili dal video: cibo pagabile dai propri follower e un plausibile dj set ad allietare le vostre instagrammate da bravi #igers come siete. Andando a vedere l’evento su Facebook potrete scoprire anche qualche altro video-consiglio su come ottenere facilmente 1.000 follower in tempo per l’evento. No, non sono i classici consigli pubblica, segui e metti like, ma consigli in stile “Black Mirror”.

Questo esperimento sociale si presenta fin da subito molto interessante sotto diversi punti di vista: sarà curioso vedere (per chi ci andrà, perché io a malapena arrivo ai 200) come gli organizzatori abbiano portato questa serie TV di successo nella realtà e cosa offriranno ai “fortunati” che saranno riusciti ad entrare, oltre a capire come reagiranno sul momento e in futuro a quest’evento che, chi lo sa, potrà magari essere ripetuto più volte.

Dopotutto ci dicono “Preparatevi ad entrare nel locale del futuro“, quindi prima o poi ci andremo tutti noi in questi locali, ma solo se saremo bravi con i social: sì lo so, forse sto subendo un po’ troppo le conseguenze da quarta stagione di “Black Mirror” appena terminata. Se avete più di 1.000 follower e riuscite ad andare, fateci sapere QUI come è stato!

 

Matteo

iPhone 8, 8 Plus e X: la nuova sfida (vincente) targata Apple

iPhoneX_ok.png

L’argomento più gettonato settimana scorsa, in particolare sui social network, è stato il nuovo spot della Buondì Motta che ha fatto indignare!1! il web. Quello di questi giorni, invece, è indubbiamente il neonato in casa Cupertino: l’iPhone 8 e l’iPhone X.

Ogni qualvolta la Apple presenta il suo nuovo smartphone genera subito un flusso enorme di curiosità, chiacchiere, articoli, stupore, ma anche critiche, in particolare per i prezzi che stanno ormai superando quelli degli stessi Mac. Ma andiamo ora a vedere più nel dettaglio questi nuovi melafonini.

L’iPhone 8 e il suo fratello 8 Plus sono la diretta evoluzione del 7, rivisitati nel design e dotati del vetro “più resistente mai visto su uno smartphone”, oltre che di un’aura potentissima che li proteggerà da acqua e polvere. Con un display Retina HD rispettivamente da 4,7″ e 5,5″ e una fotocamera da 12MP (il Plus ce l’ha doppia), vi garantiranno un’esperienza visiva ancora migliore rispetto le versioni precedenti.

Un modello completamente nuovo è, invece, l’iPhone X, ideato per celebrare i primi 10 anni di questo straordinario smartphone e con un parte frontale completamente rinnovata: ricoperta per intero dallo schermo – fatta eccezione per la barra con fotocamera e sensori – presenterà un display OLED (non più LCD) offrendo così migliori risultati in termini di colori e, soprattutto, di batteria. Quello che balza di più all’occhio, tuttavia, è l’assenza del tasto Home, diventato virtuale e implementato di un nuovissimo (e chiacchieratissimo) sistema di riconoscimento facciale, Face ID, che realizzerà una mappa tridimensionale della faccia del proprietario permettendo di sbloccare l’iPhone X guardando semplicemente lo schermo. Assurdo…

Questi nuovi smartphone potremo ricaricarli wireless, appoggiandoli su un particolare dispositivo ad hoc, e saranno disponibili in date differenti: l’8 e l’8 Plus dal 22 settembre con un prezzo di partenza di 839€, mentre per l’X, invece, bisognerà aspettare il 3 novembre, forse per preparare per bene il portafoglio degli acquirenti, da cui usciranno almeno 1.189€. Due spicci…

Un anno importante per la mela più famosa al mondo che, contemporaneamente, ha presentato al pubblico l’Apple Watch 3 dotato di SIM e che, per la prima, volta si prepara a mettere in vendita tre modelli differenti di smartphone, di cui uno totalmente “indipendente” dagli altri. Una semplice applicazione scolastica del marketing? Uno specchietto per le allodole? Staremo a vedere come risponderà il mercato…

Voi, invece, siete interessati ad acquistare uno di questi nuovissimi strumenti hi-tech? Fatecelo sapere qui!

 

Matteo

Buondì Motta e lo spot che ha fatto indignare!1!1! il web!

Buondì.jpg

È sicuramente l’argomento della settimana, sta facendo parlare ovunque, dalla radio alla televisione, passando per vicini di casa, colleghi e, ovviamente, per il sempre allegro e divertente web, pullulante di buongiornissimi kaffè indignatissimi!1!1!

Mi sto riferendo al super nuovo spot della Motta realizzato per uno dei suoi prodotti più noti, il Buondì, quella soffice merenda cosparsa di granelli di zucchero che 10 anni fa mi tartassava con una pubblicità dove un uomo in pigiama sanciva probabilmente la fine della sua carriera televisiva a suon di “buondì, buondì, buondì, buondì!”.

Ecco, a quei tempi la mia voglia di acquistarne uno era pari a zero, gli avrò preferito anche le brioche sottomarca dell’Auchan, ma ora la mia Idea è un po’ cambiata, grazie a una pubblicità finalmente diversa dal solito stereotipo della ridente colazione tra famigliari e parenti. Dai, chi cavolo è felice e sorridente alle 7 di mattina prima di andare a lavoro/scuola? Boh….

Bando alle ciance, andiamo a vedere il doppio spot targato Motta, ma che sicuramente avrete già visto:

La protagonista di queste 2 pubblicità è, quindi, una gioiosa bambina che condanna a morte i propri genitori facendogli dire una “bestemmia”, ossia che non può assolutamente esistere “una colazione che combina leggerezza e golosità”… e si dice che ce ne sia un’altra pronta ad essere lanciata (forse con un postino) e già volo 🚀

Poteva passare inosservata la finta morte di due genitori in uno spot televisivo? Ovvio che no e, infatti, fin da subito sono stati centinaia i commenti degli indignati!1!1!, soprattutto di genitori sconvolti!1!1! davanti a cotanto orrore:

commenti_Buondì.jpg

Ecco così un’ondata di gente indignata per la morte di questi due malcapitati genitori, gente che non sa distinguere la finzione dalla realtà e che, probabilmente, passa i pomeriggi in compagnia di Barbara D’Urso, prendendo per vera qualsiasi notizia leggano sul magico internet. Che problema c’è a fare una pubblicità diversa dal solito e che punta sull’ironia? Invece che apprezzare lo svecchiamento di un prodotto presente sul mercato da più di 60 anni, voglioso di far risalire le vendite – probabilmente non molto rosee dell’ultimo periodo – tramite una comunicazione fuori dalle righe e che fin da subito ha fatto parlare chiunque (primo obiettivo raggiunto), preferiscono indignarsi, a quale scopo poi non si sa. Ah sì, forse uno c’è: farci passare momenti epici davanti al pc 😂

Voi che avete commentato in quel modo irritante (e sgrammaticato) vi meritate le pubblicità di occhiali anti-ottico regolabili con rotella o di penne magiche per cancellare le righe che giustamente avete sulla vostra auto. Cercate di non indignarvi per ogni cosa e prendete la vita con un sorriso, un po’ come ha fatto la protagonista di questa eccentrica pubblicità che in poco più di una settimana ha fatto i NUMERONI sul web: +2.000.000 di views su YouTube, alle quali si aggiungono le +900.000 views (+30.000 interazioni) su Facebook e la grande mole di ricerche (e articoli correlati) sui motori di ricerca.

Schermata 09-2458002 alle 11.18.52.png

Potrei andare avanti ancora a scrivere dei pro di questa pubblicità, ma sinceramente, per la prima volta nella mia vita, mi è venuta voglia di mangiare un Buondì e perciò andrò al supermercato qua dietro a comprarmene una confezione, forse due (secondo obiettivo raggiunto).

Ah, non contenti, ci hanno dato anche il backstage dello spot. Buona visione!

 

Matteo

5 nuovi social network diversi dal solito…

gestione_social.jpg

Settimanalmente leggo di nuovi social network lanciati sul “mercato” da start-up o da imprenditori vogliosi di aumentare in qualche modo il proprio fatturato. Ho pensato, perciò, di farvene vedere qualcuno che magari potrà interessarvi o vi farà semplicemente dire “machissenefrega Matteo, non hai niente di meglio da fare?”. La risposta è no e, così, eccovi qua questi 5 social diversi dal solito:

FirstLife

Un social estremamente locale: First Life è infatti rivolto a utenti e operatori di iniziative e progetti piemontesi. Sviluppato di recente dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino, permetterà di sostenere le reti culturali e turistiche del Piemonte. Per maggiori informazioni sul “social network civico” cliccate qui.

Facecjoc

È il social network italiano dei dialetti, ideato dall’informatico Gianluca De Bortoli per offrire ai suoi utenti traduzioni locali e alcune caratteristiche da sempre desiderate da chi utilizza quelli più famosi: il tanto bramato tasto Non Mi piace sui post, la possibilità di personalizzare graficamente il proprio profilo e il dato su chi l’ha effettivamente visitato. Se siete in qualche modo interessati, iscrivetevi qui.

Lego Life

Questo è dedicato a tutti i bambini fan dei mattoncini colorati più famosi al mondo che, grazie a questo nuovo social ideato da Lego, potranno connettersi con coetanei in diversi Paesi del mondo per condividere le proprie migliori costruzioni. Niente info personali o immagini vere, ma soltanto mattoncini. Trovate Lego Life nel vostro app store.

BePuppy

Dai bambini agli animali domestici, ecco BePuppy, un social esclusivamente dedicato a chi possiede un cane, un gatto, un coniglio, un ermellino, un coccodrillo etc… Con il supporto di blog con informazioni utili e una funzione di geolocalizzazione unita al servizio di alert – utile in caso di animali ritrovati o segnalazioni di pericolo – sta ricevendo molti consensi. Per iscrivere il vostro amato animale cliccate qui.

NerdUs

Chiudiamo con un altro social network italiano, aperto proprio in questi giorni, per la precisione il 15 luglio. Come potete immaginare dal nome, è centrato principalmente sul mondo dei videogame ed è stato ideato per un obiettivo: “creare uno spazio internet, dove nessuna persona venga offesa, derisa o trascurata solo perché gioca ai videogame ed è distante dal mondo della realtà”. Amici nerd interessati, cliccate qui.

Qual è il vostro preferito? Se ne conoscete altri fateceli sapere sulla nostra pagina Facebook!

 

Matteo

 

Grab A Gift, come usare Facebook Live nel modo giusto!

Grab_A_Gift.png

Più volte mi sono soffermato sulle infinite opportunità che offre un corretto uso di Facebook, sia per privati che per aziende. Oggi voglio darvene un esempio, mostrandovi la brillante idea avuta dall’agenzia creativa canadese, Rethink Canada, per il cliente Sports Experts, uno dei principali rivenditori sportivi del paese con la foglia d’acero rosso sulla propria bandiera.

Cosa hanno pensato di fare per aumentare la viralità – e le vendite – dell’azienda? Ad inizio mese hanno unito la diretta Facebook e le reaction (le faccine con cui puoi esprimere il tuo parere sui post) con uno dei giochi più diffusi nelle sale giochi e centri commerciali del mondo, il ragno meccanico.

giphy

Attraverso un video in diretta, gli utenti potevano muovere in tempo reale il braccio meccanico, premendo semplicemente le reaction dal loro dispositivo, e ogni premio catturato veniva assegnato a random ad un fan. Ecco così nato Grab A Gift, il primo gioco online interattivo di questa tipologia pensato per l’azienda e per i clienti, attuali e potenziali.

Risultati? 2.2 milioni di visualizzazioni uniche, di cui il 50% organiche, ossia non derivanti da alcuna campagna di advertising, e un aumento delle vendite del 15% rispetto al 2015!

Ovviamente non tutti possono permettersi queste tecnologie, però, chiunque, può ingegnarsi per sfruttare al meglio le opportunità che offrono i vari social network o, se non sa neanche da dove partire, può  per farlo.

I social non sono solo gattini e Gianluca Vacchi, sono molto di più!

Matteo