È in arrivo un altro anno ricco di novità per Instagram!

novità_instagram.jpg

Oggi inizia l’ultimo mese dell’anno, perciò, in molti, stanno già iniziando a pensare a quello nuovo nell’ottica di confermarsi o migliorarsi, sia nelle vita personale che lavorativa. Uno che cerca sempre di migliorarsi è indubbiamente Mark Zuckerberg che prova (e riesce) a rinnovare giornalmente i suoi giocattoli preferiti, Facebook e Instagram.

Quest’ultimo è stato quello più implementato negli scorsi mesi – solo settimana scorsa vi abbiamo parlato della nuova possibilità di seguire gli hashtag –  e ora, visto l’imminente arrivo del 2018, iniziano ad arrivare maggiori conferme sulle novità che il social network da più di 800 milioni di utenti attivi avrà in serbo per noi da gennaio in poi:

  • Condivisione su WhatsApp: dopo la possibilità di condividere direttamente su Facebook, Twitter e Tumblr si potrà condividere i propri post anche sull’app di messaggistica più utilizzata in Italia (e non solo), di proprietà sempre di Mark.
  • Regram diretto: fino ad ora, per ricondividere immagini di altri sul proprio profilo bisognava utilizzare applicazioni esterne o screenshottarle alla viva il parroco, pubblicandole come post propri. Prossimamente non dovremo più farlo, perchè Instagram sta pensando di implementare questa funzione, rendendola come una sorta di retweet di Twitter. Un toccasana per influencer e aziende che ne “sfruttano” a iosa .
  • GIF in arrivo: come è successo per Facebook in precedenza, anche Instagram abbraccerà uno dei contenuti più utilizzati sui social nel 2017. Gli utenti potranno probabilmente cercarle e condividerle direttamente dall’app, anche nelle Stories! Si attendono aggiornamenti al riguardo.
  • Amici preferiti: lo si vocifera da tempo e ora arrivano ulteriori conferme sulla feature di Instagram che permetterà agli utenti di condividere contenuti solo con una cerchia ristretta dei propri contatti. Si potranno creare, così, singoli gruppi in cui condividere foto e video che magari ad altri non volete far proprio vedere.

Questa lista sarà, probabilmente, solo una piccola parte delle novità che ci presenterà Instagram nei prossimi mesi. State connessi sul nostro profilo per rimanere aggiornati al riguardo!

 

Matteo

 

Annunci

Qual è il social network adatto alla tua azienda?

social-x-aziende.jpg

Siamo nel 2017, anzi, quasi nel 2018, anzi, quasi nel 2019, anzi… no scusatemi, ma in queste ultime due settimane ho una certa passione per la parola “anzi”. Chi ha orecchie per intendere intenda…

Ok, torniamo seri: siamo quasi nel 2018 e, fortunatamente, diverse aziende stanno iniziando a capire l’utilità di stare sui social network e la loro potenzialità in termini di visibilità, contatto con i clienti (anche potenziali) e, a volte, fatturato. Tuttavia, cosa succede spesso? L’azienda X decide di entrare sui social e boom eccola subito su Facebook, Twitter, Instagram, Google Plus, YouTube, Snapchat, MySpace, Netlog…. e con la prerogativa di avere subito mille mila follower!

Cosa comporta ciò? Perdita di tempo e, forse, di capelli per quel povero “social media manager” aziendale costretto a garantire like e follow giornalieri al grande capo.

Urge quindi una delucidazione: così come ogni azienda ha il proprio settore di appartenenza, così ha dei social network maggiormente adatti ai propri obiettivi. Se vende valvole per termosifoni forse non è così necessario avere un profilo Instagram: LinkedIn, il social network migliore per creare contatti professionali, è quello che potrebbe fare meglio al caso suo. Se è un nuovo brand hipster, invece, Instagram è proprio quello perfetto e, se vende all’estero, ancora di più lo è Pinterest.

Ogni social network ha la propria tipologia di utenti e con i propri interessi in termini di contenuti da vedere o di aziende da seguire: perciò, prima di far atterrare ovunque (e male) il tuo brand, valuta bene le potenzialità del tuo prodotto/servizio e cerca di capire prima cosa offre quel social network che ti “piace” tanto. 

Ricorda, in questo caso niente è più vero del noto proverbio “meglio pochi, ma buoni”: concentra le tue forze (o di che gestisce i social) su quelli più consoni e vedrai che otterrai più facilmente i tanti desiderati big likes

Per saperne di più e avere qualche dritta al riguardo, contattaci qui

 

Matteo

YouTube si rinnova e cambia veste: scopri le novità!

youtube-nuovo.jpg

Mentre Taylor Swift ottiene 43,2 milioni di visualizzazioni in 24 ore con il nuovo singolo “Look What You Made Me Do”, battendo il precedente record di Psy (38 milioni conquistati con il tormentone “Gentleman”), YouTube decide di rinnovarsi!

È di questi giorni, infatti, il restyling grafico da parte della celebre piattaforma web di streaming video utilizzata ormai da più di 1 miliardo di utenti.

La prima novità che balza subito all’occhio è indubbiamente il logo che cambia veste dopo 12 anni, ossia dalla sua nascita, 14 febbraio 2005. Dalla scritta in due colori, con “tube” immerso nel rosso, ora si è passati ad una scritta total black preceduta dalla sua icona identificatrice.

Il layout è cambiato sia nella versione mobile che da desktop, con l’aggiunta della versione dark per far riposare gli occhi o per risparmiare batteria.

Sono state introdotte, poi, alcune importanti novità che riguarderanno la riproduzione dei video:

  • Formato video: il player si adatterà automaticamente alla forma del video che si sta guardando.
  • Doppio tap: schiacciando in un video due volte a destra o a sinistra potrete mandare avanti o indietro di 10 secondi.
  • Velocità: è possibile regolare la velocità di riproduzione del video.
  • Suggerimenti: puoi scopri altri video mentre ne stai guardando uno a schermo pieno.

«Per dirla con parole semplici – ha spiegato lo Chief Product Officer, Neal Mohan – YouTube ne ha fatta di strada e molta ancora ne ha da fare. Negli ultimi mesi abbiamo iniziato a rilasciare aggiornamenti, che proseguiranno nel corso dell’anno, tramite i quali introdurremo nuove funzionalità e una grafica più uniforme sia sui dispositivi mobili sia su quelli desktop».

Prepariamoci a vedere ulteriori modifiche in YouTube, desideroso, dunque, di dare del filo da torcere a Facebook nella condivisione dei video online, e se avete un canale, seguiteci!

 

Matteo

L’impero di Facebook si amplia sempre di più: conquistata la Champions League!

zuckerberg_direttachampions.jpg

Big news in questi giorni dagli Stati Uniti sul fronte Facebook: dopo aver dichiarato i miglioramenti in arrivo per i Gruppi, come per esempio gli insight e i filtri di ammissione, e il cambiamento della mission del colosso social – “dare alle persone il potere di costruire comunità e avvicinare il mondo” – Mark Zuckerberg ha deciso di entrare a gamba tesa nello sport più popolare al mondo, il calcio.

Mentre si stanno per concludere gli Europei Under 21 e il caso Donnarumma diventerà presto un nuovo episodio de La Signora In Giallo, Mark ha siglato un accordo che nei prossimi anni stravolgerà il mondo delle dirette televisive del pallone: le gioie e dolori della Champions League potranno essere assaporate comodamente su Facebook, GRATIS!

Come aggratis? Le varie emittenti televisive si scannano ogni anno per averne i diritti on demand e Facebook le trasmetterà gratuitamente? Sì! E come? Grazie allo strumento che in ogni secondo lo arricchisce, le pubblicità!

Per ora questo è un accordo riservato solo agli utenti statunitensi, siglato con Fox Sports, il cui responsabile delle attività di business, David Nathanson, ha giustificato così tale decisione:

Facebook ha una delle maggiori audience di tifosi di calcio nel mondo e questo permetterà di far vedere la Champions League anche ai tifosi che non sono sintonizzati sulla partita in TV”.

Questo permetterà, dunque, ai fan di Real Madrid, Barcellona e compagnia bella, di poter guardare grazie a Facebook Live due match di ciascuna giornata nella fase a gironi, quattro gare negli ottavi di finale e altre quattro gare nei quarti di finale. Di più di quanto fa Mediaset, per intenderci…

Va be, io sono italiano e milanista e quindi per un po’ questa novità non mi toccherà di striscio, però sancisce ancora una volta la potenza galattica di questo social network che piano piano ingloba dentro di se ogni cosa, avvicinandosi così a una sorta di conquista del mondo intero. Cosa ne pensate? Fatecelo sapere, ovviamente sulla nostra pagina Facebook!

 

Matteo

Un’Idea per giovedì 29 giugno?

Immagine-per-conferma.jpeg

Se stai leggendo questo articolo, molto probabilmente, ci conosci già e avrai ricevuto tramite newsletter l’ invito a partecipare all’inaugurazione del nostro nuovo spazio creativo. Se non l’hai ricevuta, beh puoi rimediare iscrivendoti qui.

Come ben sai, quest’anno ci siamo trasferiti in via stretta 179, sempre a Brescia, in una location più grande, smart e comoda da raggiungere, cosicché tutti quanti potrete passare a trovarci per un caffè o, appunto, per festeggiare con noi l’inizio di questo nuovo percorso!

Giovedì 29 giugno, dalle ore 18, ti aspettiamo per brindare con noi e scoprire la location in cui diamo spazio alle Idee creative che ci balzano in mente (ogni tanto :))

Un fresco aperitivo con buffet, musica, gadget per passare un’allegra e spensierata serata in compagnia del nostro team, clienti e amici. Se ancora non l’hai fatto, conferma la tua presenza cliccando qui!

A giovedì!

giphy (2)

 

Matteo

Facebook è per ragazzini? Se lo pensi, sbagli di grosso!

blog.jpg

È un pensiero abbastanza comune che Facebook sia un social network per ragazzini, dovuto probabilmente ai vari genitori e parenti ormai abituati a vedere i propri figli e nipoti connessi giornalmente sul social network più famoso al mondo.

Ecco, non c’è niente di più sbagliato e la conferma è una recente indagine ad opera del noto blog di settore – Vincos – secondo cui in Italia il 53% degli utenti di Facebook ha più di 35 anni. Guardando il grafico seguente, inoltre, si nota come le fasce d’età comprese trai 36-55 anni siano nettamente superiore a quelle “solitamente” considerate più social, ossia gli adolescenti.

FB_italia.png

Quali sono, quindi, le opportunità per le aziende nel nostro Paese?

La comunicazione su Facebook diventa una prerogativa (analizzando comunque a priori il proprio settore e cliente tipo) supportandola, magari, da campagne di advertising per fascia d’età. Perché come ormai è ben noto – forse – se non paghi, Mark Zuckerberg i tuoi post non li fa vedere a nessuno, o quasi.

Capite, quindi, che Facebook non è per ragazzini e iniziate ad utilizzarlo al meglio: permette di tenervi aggiornati giornalmente su tutto il mondo, basta mettere il like a delle pagine (giuste) ed evitare di stringere amicizia con qualche “analfabeta funzionale” e il gioco è fatto. Se poi avete una pagina aziendale con qualcosa di interessante da dire/offrire, le opportunità aumentano esponenzialmente.

Se dopo aver letto ciò, volete portare anche la vostra azienda nel mondo di Facebook, contattateci e potremo darvi una mano!

 

Matteo

Hai una pagina social aziendale? Ecco come (non) pubblicare i tuoi post!

img_socialpost.jpg

Fare il social media manager, in fondo in fondo, è un bel lavoro, soprattutto quando devi fare l’assessment delle pagine social dei customer e dei suoi competitor. Sì, ho usato queste parole solo per essere cool, va così di moda esserlo…

Bazzicando tra un settore e l’altro dell’industria locale se ne vedono veramente delle belle: tra sharelink (altra parola cool) con l’url sia nel titolo che nella descrizione e immagini di ruspe pubblicate alle 2 di notte, ce ne è di materiale che ti strappa sicuramente un sorriso e ti fa capire che forse, questo lavoro, può essere d’aiuto a molte persone/aziende.

Noi di Ideagency crediamo fortemente nella potenza comunicativa dei vari social network e, per questo motivo, vogliamo fornirvi alcuni consigli su come far valere il tuo vantaggio competitivo nelle pagine di Facebook, LinkedIn, Instagram etc. :

  1. Pensa bene a cosa vuoi scrivere e al perché lo vuoi scrivere: se pensi che il post che hai tanta voglia di pubblicare possa interessare alla tua schiera di “fan”, o a parte di essa, e/o possa fornirgli un beneficio (anche solo strappargli un sorriso) allora vai! Ricordati però che all’utente medio piacciono principalmente due cose: ridere e, sfortunatamente, fare polemica, quindi occhio a quelli che pubblichi!
  2. Pubblica i post ad un orario decente: già hai pochi fan e gli algoritmi dei social network non ti premiano, cosa diavoli pubblichi i tuoi prodotti la notte fonda o la mattina alle 6? Non è forse meglio pubblicarli in un orario in cui i tuoi “fan” sono più facilmente connessi?
  3. Evitare post chilometrici: le varie statistiche pubblicate sull’internet dimostrano che i contenuti che ottengono più successo sui social network sono quelli con meno testo, in particolare sotto i 70 caratteri. Le persone passano la maggior parte del tempo sui social per svago e hanno solo voglia di piazzare like e guardare immagini e video, non di leggere dei saggi brevi. Cerca di essere sintetico – con criterio – e rimanda sul sito o altre piattaforme per ulteriori informazioni.
  4. Call to action: dai un motivo ai fan per leggere il tuo post e/o svolgere un’azione (click al tuo sito web, iscrizione alla newsletter etc.), fagli una domanda e cerca di attirare il loro interesse e vedrai che sarà più facile ricevere una loro “interazione”.
  5. Seleziona attentamente le immagini: evita, per favore, di pubblicare immagini sgranate, mosse, più piccole di un francobollo o in cui si vede più il tuo dito che il soggetto dell’immagine. Ah, ovviamente, evita i Buongiornissimo Kaffèèè!1!1! e compagnia bella, grazie!
  6. Hashtag: questi amati # servono per ampliare il raggio d’azione dei tuoi post o per racchiuderli sotto un unico hashtag riconoscitivo. Escludendo Instagram e Twitter, negli altri social tuttavia non servono più di tanto, quindi non abusatene!

Di consigli ce ne sarebbero anche tanti altri, ma già tenere a mente questi 6 punti potrà esservi d’aiuto nel comunicare correttamente la vostra azienda e i vostri prodotti sui social network. Se avete dubbi o informazioni al riguardo, o volete affidarvi a noi per compiere questo arduo compito, contattateci e saremo felicissimi di darvi una mano (e un like 😉 )

 

Matteo