Il sito web giusto per la tua azienda: alcuni consigli utili

buon_sito.jpg

Al giorno d’oggi il web è una risorsa imprescindibile, per due semplici motivi: è una fonte di informazioni illimitata e, soprattutto, offre un infinito numero di opportunità sia per privati che per aziende. Quest’ultime, in particolare, a piccoli passi stanno capendo la forza di questo potentissimo strumento nato all’inizio degli anni Novanta, tuttavia, di schifezze online se ne vedono ancora a bizzeffe…

Oggi vogliamo fornirvi, perciò, qualche consiglio utile su un particolare aspetto dell’internet, molto importante ma che troppe aziende prendono un po’ sotto gamba: il sito web.

Dato che di esempi horror se ne potrebbero fare a centinaia e rischieremmo di rendere questo blog post lunghissimo, abbiamo pensato di fornirvi un semplice elenco di requisiti e/o obiettivi che ogni sito web che si rispetti dovrebbe avere e conoscere a pieno:

  1. Target: è un punto fondamentale in ogni aspetto aziendale, poiché bisogna sempre avere bene in mente quali siano le persone a cui viene rivolto il prodotto o servizio offerto. Così anche per i siti web, dove è molto utile immedesimarsi nell’utente per poter soddisfare il suo bisogno, altrimenti col cavolo che ritornerà da voi!
  2. Usabilità: l’utente deve poter navigare con semplicità, senza perdere la testa nello scovare le sezioni o le informazioni utili. Inoltre, se vedete che il vostro sito ci impiega ore a caricare una pagina, non è forse meglio dargli una sistematina? Se no l’utente vi abbandonerà all’istante, fidatevi…
  3. Responsive design: negli ultimi anni gli accessi da mobile hanno superato quelli da desktop, perciò avere un sito che è in grado di adattarsi graficamente in modo automatico al dispositivo col quale viene visualizzato è senza dubbia una bella cosa, anzi, fantastica.
  4. Homepage: è la prima impressione che gli utenti hanno della tua azienda online, vuoi quindi che piaccia fin da subito, no? È sicuramente la sezione più importante di ogni sito web e quella in cui i grafici si possono sbizzarire maggiormente. Cercate quindi di averla sempre aggiornata e con layout che siano almeno di questo decennio, grazie.
  5. Emozionalità: a seconda del settore di riferimento, il sito web deve comunque cercare di creare emozioni negli utenti – positive, ma non solo – per far sì che siano invogliati a proseguire nella navigazione e, soprattutto, nel rispondere alla vostra call to action (iscriviti, contattaci, acquista etc…).

Ecco, questa è solo una prima infarinatura generale, abbiamo voluto essere sintetici per non spaventarvi, dato che dietro ad ogni sito web c’è un mondo intero. Se, però, volete saperne di più al riguardo o volete avere un sito nuovo per la vostra azienda, noi siamo QUI a a vostra disposizione!

 

Matteo

Annunci

Il Sito Ideale

730665798_02042015045318551d57deb4eb5

Hai un sito web ma è visitato solo da tua moglie e tuo figlio? Certo, sai che non puoi farne a meno, ma viste le statistiche non ne se più così convinto? La tua frustrazione arriva da Google Analytics, da quello che dice e soprattutto che non dice?

Se la causa della tua frustrazione è il sito, proprio il tuo, prima di disperare, leggi questo post.

Il sito web ti sente, ma tu ascoltalo!

Come prima cosa, il tuo sito deve essere trattato come una vera e propria creatura, la tua creatura. Lo aggiorni periodicamente? Oppure l’ultima volta che lo hai aggiornato risale all’anno in cui l’Italia ha vinto il Mondiale?

Presta molta attenzione alla quantità informazioni che riporti: a meno che il tuo sia il sito di un ristorante, le pappardelle scocciano e confondono il potenziale cliente, viceversa uno povero di informazioni crea nella testa del lettore un senso di inaffidabilità o comunque di limitata competenza.

Se metti in pratica questi brevi ma efficaci consigli sei a metà dell’opera. Perché solo a metà? Perché l’altra metà appartiene alla visibilità.

Scegli le giuste parole chiave per il tuo sito web per raggiungere un buon posizionamento sui motori di ricerca.

Un altro prezioso alleato è rappresentato dai social: avere una pagina Facebook o un profilo Instagram della tua azienda con annesso link del tuo sito permette di aumentarne visite e, di conseguenza, possibili compratori.

In ultimo, puoi acquistare gli annunci di Google, ma solo se hai una strategia di marketing ben precisa, per evitare di sprecare tempo e risorse.

Puoi essere anche il nuovo Carlo Cracco, ma se nei motori di ricerca il sito del tuo ristorante è preceduto anche dalla poco raccomandabile pizzeria-kebabberia di Ahmed Abdoul, la tua reputazione (online) è peggio di quella del figlio di Umberto Bossi (Il Trota).

Creare un sito web in grado di convincere chi legge ad acquistare il tuo prodotto è possibile, ma perché questo avvenga il sito deve essere ideato e curato da figure competenti e specializzate.

Enrico