Mentre Facebook trema, Google se la gode!

google_news.png

Non passa giorno, ormai, in cui i media non parlino dello scandalo Cambridge Analytica che ha colpito il “povero” Mark Zuckerberg, portandolo a testimoniare davanti i deputati del Congresso dove, per adesso, si sta comportando bene.

Chi, invece, ha di recente ottenuto un riconoscimento di tutto rispetto è l’ormai rivale Google, premiato per aver raggiunto l’autosufficienza energetica derivante da energie rinnovabili e divenendo, così, nel 2018 l’azienda più green del mondo tecnologico.

Oltre a ciò, il colosso di Mountain View si sta dando da fare per introdurre nuovi device (anche nel nostro Paese) e rinnovare quelli già esistenti.

Di recente, infatti, è arrivato ufficialmente in Italia Google Home, un altoparlante e assistente vocale che permette di controllare la casa, ascoltare la musica, chiedere informazioni etc. Per ora non tutte le funzionalità sono disponibili – come, per esempio, il collegamento diretto con lo smartphone per effettuare chiamate – ma le potenzialità di questo strumento sono enormi: basta dire “Hey, Google!” e lui risponderà agli ordini.

Tra i suoi strumenti più noti c’è Gmail – chi non ha mai usato, almeno una volta nella vita, questo provider? – e, a breve, subirà un restyling nell’ottica aziendale di offrire sempre prodotti aggiornati e che migliorino l’esperienza della clientela.

Oltre ad un layout rinnovato, gli utenti avranno a disposizione nuove funzioni:

  • Smart reply anche sul web, ossia quelle risposte pre-impostate in base al contenuto della mail ricevuta;
  • Snooze, la possibilità di “posticipare” le email, facendo decidere all’utente quando rivederle nella propria posta in arrivo;
  • Un accesso più facile alle app di G Suite, come per esempio Google Calendar;
  • Supporto offline su cui avremo maggiore news prossimamente.

Ultima news – forse la più importante, lol – d’ora in poi, su tutti i dispositivi iOS e su alcuni  Android,  Google Foto riconoscerà le razze dei cani e dei gatti 🐶🐱

Scherzi a parte, anche quest’anno le news in arrivo dalla California non mancano e faranno sì che il loro dominio nel mondo della tecnologia online non crolli (sempre che YouTube la smetta di prendere dati dagli under 13….)

Per non perdere le prossime news in merito, seguici qui.

 

Matteo

 

 

Annunci

Dalle accuse al cambiamento: Facebook semplifica gli strumenti di Privacy

privacy.png

Facebook non sta passando un periodo bellissimo. Nonostante continui ad introdurre nuovi strumenti per utenti e advertiser, lo scandalo Cambridge Analytic e il conseguente crollo in borsa – in pochi minuti ha perso il 5% – sta portando diversi grattacapi a Mark Zuckerberg, costretto anche testimoniare davanti al Congresso degli Stati Unit d’America.

La Privacy è da sempre stato un argomento molto scottante per Mark e il recente scandalo dei Big Data porterà sicuramente delle conseguenze importanti sul social network che ha scombussolato il mondo intero dalla sua fondazione, datata febbraio 2004. La prima è la più scontata: una semplificazione degli strumenti di Privacy, fino a prima abbastanza “nascosti” e frammentati all’interno della sua piattaforma.

“Le impostazioni, prima distribuite su quasi 20 schermate diverse, ora sono accessibili da un unico luogo. Abbiamo anche eliminato le impostazioni obselete, in modo tale che sia chiaro quali informazioni possono o non possono essere condivise con le app”.

Ma non solo: un’altra novità introdotta punta, indubbiamente, alla trasparenza, visto che accedendo alle “Impostazioni generali dell’account” si trova subito la possibilità di scaricare una copia dei propri dati di Facebook. Una volta scaricato il file, si avrà a disposizione una serie di file con uno storico di ciò che si è fatto sul social dal primo giorno in cui si è iscritti ad oggi.

Con la speranza che questo sia solo il primo passo verso un maggior rispetto dei dati personali degli utenti, vi invitiamo a seguirci su Facebook per rimanere aggiornati su queste novità.

 

Matteo

 

La voce sarà la prossima protagonista di Facebook e Instagram

voce_protagonista

Ormai i social network li usiamo di continuo, in qualsiasi momento, anche quando tecnicamente non dovremmo utilizzarli e – WhatsApp docet – i messaggi vocali sono spesso d’aiuto.

Prossimamente (non troppo in là)  potremo utilizzare la voce ancora di più all’interno dei social network e il merito è ovviamente di Mark Zuckerberg e del suo Team.

Nell’ottica di far condividere più contenuti ai suoi utenti, su Facebook sarà molto presto possibile aggiornare il proprio status con un messaggio vocale –  oltre alle recenti GIF, foto a 360° etc – fornendo così uno strumento aggiuntivo e più rapido. È il primo passo verso il mondo delle radio e dei podcast? Staremo a vedere.

Facebook messaggi vocali

Contemporaneamente, nella casa dei vicini di Instagram stanno iniziando a lavorare per introdurre al suo interno la possibilità di far effettuare agli igers chiamate e videochiamate.

Quasi certamente lo si potrà fare soltanto all’interno dei messaggi diretti (come Snapchat, strano…) e, a svelarlo, è stato uno lettore di Tech Crunch che ha trovato, mentre stava smanettando all’interno degli Android Application Packages (pacchetti di file pronti ad essere utilizzati) le icone per un’interfaccia che consentirebbe di effettuare chiamate audio e video.  Ecco il suo annuncio:

Schermata 2018-03-09 alle 12.10.00

Novità importanti che renderanno ancora di più Facebook e Instagram – non per tutti, fortunatamente – degli strumenti indispensabili per mantenere attiva la propria vita sociale, almeno quella virtuale…

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere qui.

 

Matteo

Elezioni 2018: Facebook ti aiuta nella scelta del voto

elezioni

Le elezioni del 4 marzo sono sulla bocca di tutti, se ne sente parlare ovunque e sposteranno probabilmente gli equilibri del nostro Paese (e non solo). Come sempre succede, però, non tutti hanno le idee ben chiare su chi andare a votare e perché appoggiare le idee di un partito invece che un altro e, così, l’incertezza domina in ogni dove.

In loro aiuto è arrivato Facebook – negli ultimi anni sempre molto “attento” alle elezioni politiche dei Paesi – con alcuni strumenti messi a disposizione degli utenti italiani al fine di orientarli e accompagnarli nella scelta dei membri del Parlamento che formeranno il nostro nuovo Governo.

Andiamo a vederli assieme:

  • Punti Di Vista: questo strumento, probabilmente, lo avrete già visto all’interno del vostro news feed (vedi foto in basso), in quanto compare ogni tre giorni a tutti gli utenti italiani di Facebook. Cliccandoci sopra, si può avere a disposizione una sorta di riassunto della posizione dei principali partiti politici – ossia i 10 partiti e movimenti politici che superano l’1% delle intenzioni di voto secondo i principali sondaggi –  su temi come Ambiente, Fisco, Famiglia, Immigrazione, Salute etc., che potete vedere nel dettaglio nelle loro pagine Facebook ufficiali (nella sezione Temi);
  • Partnership con Ansa: grazie alla stretta collaborazione con la nota agenzia di informazione multimediale, Facebook sta già realizzando nella sua sede di Milano delle intervista in diretta Live con i leader dei partiti;
  • Lotta alla fake news: questo è un argomento che sta molto a cuore a Zuckerberg e, perciò, a maggior ragione in un periodo in cui ogni ora escono notizie correlate direttamente o indirettamente alle elezioni, Facebook insieme al team di Pagella Politica controllerà la veridicità o meno delle dichiarazioni degli esponenti dei partiti;
  • News in diretta: il giorno delle elezioni gli utenti del social network più famoso al mondo vedranno in cima nell’home page uno strumento che fornirà informazioni ufficiali su come e dove andare votare e, inoltre, permetterà (come se ce ne fosse bisogno) di far sapere ai propri amici di aver votato. Dopo la chiusura dei seggi, infine, i risultati degli scrutini saranno visibili su Facebook con aggiornamenti in diretta.

facebook-elezioni-2018-638x425

Così come è successo per le elezioni negli Stati Uniti, anche questa volta Facebook coprirà un ruolo fondamentale nelle sorti politiche di un Paese.

Che ne pensate? Fatecelo sapere qui.

 

Matteo

Facebook sta per cambiare, di nuovo!

facebook_pag_cash.jpg

Ve ne abbiamo già parlato a novembre ed ora, è quasi realtà: il news feed di Facebook cambierà nuovamente e, a rimetterci, saranno le pagine aziendali, soprattutto quelle che non investono. Ma non solo, anche quelle che sono abituate a fare advertising sui propri contenuti potranno riscontrare un’innalzata dei prezzi per la semplice legge di mercato per cui più sale la concorrenza, più i prezzi aumentano.

Perché tutto questo?

Perché Mark Zuckerberg in data 12 gennaio ha svelato al mondo quanto già testato nei mesi precedenti: molto presto il news feed (l0homepage di Facebook) cambierà nuovamente e farà vedere agli utenti solo i post di amici e parenti, gruppi ai quali si è iscritti e, ovviamente, le inserzioni a pagamento. Tutti gli aggiornamenti delle pagine aziendali verranno spostati nella sezione Explore del social, quella con il razzo, eccetto per quelle che gli utenti imposteranno manualmente come preferita e che, quindi, potranno continuare a vedere nel news feed principale.

Mark ha inoltre aggiunto che “con questo aggiornamento, daremo priorità anche ai post che generano conversazioni e creano interazioni significative tra le persone. Per farlo, cercheremo di prevedere quali sono i post su cui le persone potrebbero voler interagire di più con i propri amici, e mostreremo questi post più in alto nel feed“, confermando così la presenza di un nuovo algoritmo che determinerà anche quanto i vostri post personali vedranno visti.

Una lotta al click bait e alle fake news che penalizzerà sicuramente le piccole imprese (copertura dei post ai minimi storici) e, probabilmente, porterà molti ad abbandonarlo, come tra l’altro stanno già facendo i cosiddetti millennials negli ultimi anni, a favore di social network più diretti come Instagram o Snapchat.  Una cosa però è certa: Facebook ha trovato un’altra “scusa” per arricchirsi ancora di più…

Rimanete connessi sulla nostra pagina Facebook o Instagram per non perdervi le prossime news al riguardo.

 

Matteo

È in arrivo un altro anno ricco di novità per Instagram!

novità_instagram.jpg

Oggi inizia l’ultimo mese dell’anno, perciò, in molti, stanno già iniziando a pensare a quello nuovo nell’ottica di confermarsi o migliorarsi, sia nelle vita personale che lavorativa. Uno che cerca sempre di migliorarsi è indubbiamente Mark Zuckerberg che prova (e riesce) a rinnovare giornalmente i suoi giocattoli preferiti, Facebook e Instagram.

Quest’ultimo è stato quello più implementato negli scorsi mesi – solo settimana scorsa vi abbiamo parlato della nuova possibilità di seguire gli hashtag –  e ora, visto l’imminente arrivo del 2018, iniziano ad arrivare maggiori conferme sulle novità che il social network da più di 800 milioni di utenti attivi avrà in serbo per noi da gennaio in poi:

  • Condivisione su WhatsApp: dopo la possibilità di condividere direttamente su Facebook, Twitter e Tumblr si potrà condividere i propri post anche sull’app di messaggistica più utilizzata in Italia (e non solo), di proprietà sempre di Mark.
  • Regram diretto: fino ad ora, per ricondividere immagini di altri sul proprio profilo bisognava utilizzare applicazioni esterne o screenshottarle alla viva il parroco, pubblicandole come post propri. Prossimamente non dovremo più farlo, perchè Instagram sta pensando di implementare questa funzione, rendendola come una sorta di retweet di Twitter. Un toccasana per influencer e aziende che ne “sfruttano” a iosa .
  • GIF in arrivo: come è successo per Facebook in precedenza, anche Instagram abbraccerà uno dei contenuti più utilizzati sui social nel 2017. Gli utenti potranno probabilmente cercarle e condividerle direttamente dall’app, anche nelle Stories! Si attendono aggiornamenti al riguardo.
  • Amici preferiti: lo si vocifera da tempo e ora arrivano ulteriori conferme sulla feature di Instagram che permetterà agli utenti di condividere contenuti solo con una cerchia ristretta dei propri contatti. Si potranno creare, così, singoli gruppi in cui condividere foto e video che magari ad altri non volete far proprio vedere.

Questa lista sarà, probabilmente, solo una piccola parte delle novità che ci presenterà Instagram nei prossimi mesi. State connessi sul nostro profilo per rimanere aggiornati al riguardo!

 

Matteo

 

Facebook sta testando un nuovo news feed: quali conseguenze per le aziende?

novità_feed_fb.jpg

Se bazzicate su siti che trattano di social network o, semplicemente, di novità provenienti dal web, avrete sicuramente letto che Facebook in questi giorni sta svolgendo dei test che potranno avere delle grosse conseguenze per l’esperienza degli utenti e, soprattutto, per la visibilità delle aziende. 

Gli utenti in Slovacchia, Sri Lanka, Bolivia, Serbia, Guatemala e Cambogia hanno infatti avuto tra le mani un nuovissimo news feed così strutturato: tutti i contenuti delle pagine sono stati postati nel feed Explore (quel Razzo introdotto qualche mese fa), lasciando nella classica home su cui siamo tutti abituati a passare diverse ore della nostra esistenza soltanto i post degli amici e i contenuti sponsorizzati.

Quali sono, quindi, le conseguenze per le aziende che non hanno budget (o voglia) di investire nell’advertising? Una drastica perdita di copertura e interazioni con i post pubblicati. Ne hanno dato prova le “cavie” dei Paesi sopra citati, con tweet del genere:

È un crollo significativo quello che si vede in questi grafici, evidenziando, dunque, come le “piccole aziende” rischiano totalmente di perdere visibilità sul social di Mark, dove già (se andava bene) potevi raggiungere il 5/6% dei fan della pagina. Diventerà necessario, perciò, investire in advertising e realizzare post appetibili sia per gli utenti che per l’algoritmo di Facebook. 

Stando alle parole del responsabile del news feed, Adam Mosseri – “Attualmente non stiamo programmando di estendere questo test ulteriormente” – questo aggiornamento non dovrebbe colpirci, tuttavia, se i test andranno bene, è probabile che l’idea di Mr. Mosseri cambierà.

Restate connessi sulla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati. 

 

Matteo