È in arrivo un altro anno ricco di novità per Instagram!

novità_instagram.jpg

Oggi inizia l’ultimo mese dell’anno, perciò, in molti, stanno già iniziando a pensare a quello nuovo nell’ottica di confermarsi o migliorarsi, sia nelle vita personale che lavorativa. Uno che cerca sempre di migliorarsi è indubbiamente Mark Zuckerberg che prova (e riesce) a rinnovare giornalmente i suoi giocattoli preferiti, Facebook e Instagram.

Quest’ultimo è stato quello più implementato negli scorsi mesi – solo settimana scorsa vi abbiamo parlato della nuova possibilità di seguire gli hashtag –  e ora, visto l’imminente arrivo del 2018, iniziano ad arrivare maggiori conferme sulle novità che il social network da più di 800 milioni di utenti attivi avrà in serbo per noi da gennaio in poi:

  • Condivisione su WhatsApp: dopo la possibilità di condividere direttamente su Facebook, Twitter e Tumblr si potrà condividere i propri post anche sull’app di messaggistica più utilizzata in Italia (e non solo), di proprietà sempre di Mark.
  • Regram diretto: fino ad ora, per ricondividere immagini di altri sul proprio profilo bisognava utilizzare applicazioni esterne o screenshottarle alla viva il parroco, pubblicandole come post propri. Prossimamente non dovremo più farlo, perchè Instagram sta pensando di implementare questa funzione, rendendola come una sorta di retweet di Twitter. Un toccasana per influencer e aziende che ne “sfruttano” a iosa .
  • GIF in arrivo: come è successo per Facebook in precedenza, anche Instagram abbraccerà uno dei contenuti più utilizzati sui social nel 2017. Gli utenti potranno probabilmente cercarle e condividerle direttamente dall’app, anche nelle Stories! Si attendono aggiornamenti al riguardo.
  • Amici preferiti: lo si vocifera da tempo e ora arrivano ulteriori conferme sulla feature di Instagram che permetterà agli utenti di condividere contenuti solo con una cerchia ristretta dei propri contatti. Si potranno creare, così, singoli gruppi in cui condividere foto e video che magari ad altri non volete far proprio vedere.

Questa lista sarà, probabilmente, solo una piccola parte delle novità che ci presenterà Instagram nei prossimi mesi. State connessi sul nostro profilo per rimanere aggiornati al riguardo!

 

Matteo

 

Annunci

Nuovi aggiornamenti da Instagram… utili anche per la tua azienda!

instagram_novità.jpg

Instagram è diventato ormai uno strumento imprescindibile per molte aziende, soprattutto nel mondo della moda o del cibo, anzi, nel mondo del fashion e del food… ormai li chiamano tutti così. Grazie al suo layout, al suo essere diretto e d’impatto, alle stories introdotte l’anno scorso e alle opportunità di advertising, il secondo social di Mr. Zuckerberg viene utilizzato in tutto il mondo tanto dagli utenti privati, quanto dai brand.

Costantemente Instagram si aggiorna, offrendoci nuove funzioni spesso divertenti, molto più spesso inutili, ma alcune volte interessanti anche dal punto di vista aziendale. In questo ultimo (piccolo) gruppo rientrano due degli ultimi aggiornamenti dell’app: le raccolte e i sondaggi. Andiamo a scoprirli assieme:

Raccolte

Se utilizzate spesso Instagram, vi sarà capitato almeno una volta di salvarvi una foto divertente, memorabile o che volevate far vedere a qualche amico o collega. Ecco, da ora quando cliccherete sulla bandierina sotto le immagini/video presenti nel vostro feed, potrete salvarli direttamente in raccolte, personalizzabili con nome.

Quali opportunità può darvi? Potrete salvare i contenuti pubblicati dalla concorrenza, così da tenerla monitorata (che fa sempre bene) e potrete avere diverse raccolte per immagini o video da adoperare come fonte d’ispirazione per i vostri prossimi post. Inoltre, se gli utenti sono soliti taggarvi nei commenti (e non nelle foto), potrete salvarle in un’apposita raccolta per ricordarvi facilmente di loro.

Sondaggi

Per la prima volta Instagram ha reso interattivo un contenuto, permettendo di inserire sondaggi nelle proprie storie ai quali gli utenti possono rispondere con un semplice click. Per inserire il sondaggio basta fare una Storia, scegliere l’adesivo “Sondaggio”, inserire la domanda e personalizzare la doppia risposta (impostata come Si e No di default).

Anche qui le opportunità sono parecchie: un cuoco può chiedere consigli per un piatto da cucinare, un brand può chiedere feedback su un proprio prodotto da immettere sul mercato e così via.

Che dite, vi potranno essere utili queste due novità? Fatecelo sapere e, già che ci siete, seguiteci su Instagram 🙂

Matteo

La crescita inarrestabile di Instagram: raggiunta quota 700 milioni di utenti!

unnamed.png

Duecento milioni di persone in meno di un anno. Si avete letto bene: 200.000.000 di persone! A cosa ci stiamo riferendo? Agli utenti conquistati da Instagram nel giro di 10 mesi!

Era il giugno dell’anno scorso, quando l’app di proprietà di Facebook ha raggiunto il traguardo di mezzo miliardo di utenti ma ciò, ovviamente, rappresentava solo una tappa del suo lungo percorso trionfale. Come è ormai ben noto, infatti, un paio di mesi dopo sono state introdotte le Stories, ampliando così i già vasti orizzonti di Instagram e, soprattutto, mettendo i bastoni nelle ruote al diretto concorrente, Snapachat (RIP).

wersm-instagram-growth-curve.png

Ora siamo alla fine di aprile, 10 mesi dopo, e ci siamo già messi alle spalle un’altra novità, le dirette Live. Giorno dopo giorno, aggiornamento dopo aggiornamento, Instagram ha raggiunto così quota settecento milioni (il doppio di Twitter e circa tre volte Snapachat), e la sua crescita sembra veramente senza fine: dati alla mano, se mantenesse la crescita di questi ultimi mesi, l’app per foto e video raggiungerà quota un miliardo di utenti nel giro di un anno, rendendo ancora più felice (e ricco) Mark Zuckerberg, che già gongola per bene con i 1,2 miliardi di WhatsApp e – rullo di tamburi – i 1,9 miliardi di Facebook.

Insomma, da quando il celebre social con sede a Menlo Park, California, l’ha acquisita, Instagram è diventata sempre più forte: boomerang, direct, storie, live sono probabilmente solo alcune delle innumerevoli novità che avremo tra le mani nei prossimi mesi, quindi teniamoci pronti a correre sull’App Store per scaricare i prossimi aggiornamenti. E voi ce l’avete Instagram? Noi 🙂

Matteo

Mark Zuckerberg, l’acchiappatutto

mark.jpg

C’era una volta internet, con i suoi tanti motori di ricerca e siti web cliccati giornalmente da milioni e milioni di utenti, ora c’è Facebook – o forse è più corretto dire – ora c’è Mark Zuckerberg.

Dal giorno della sua fondazione, 4 febbraio 2004, ad oggi, il buon Mark ha cambiato e migliorato il suo giocattolino una miriade di volte, facendolo diventare il terzo sito più cliccato al mondo – dietro solo al colosso Google/YouTube – con un contemporaneo ingigantirsi del suo conto in banca: questo giovane ragazzo nato a White Plains, NY, nel 1984, è divenuto nel giro di pochi anni una delle persone più ricche al mondo, con un patrimonio stimato di 61,4 miliardi di dollari; due spicci insomma…

Uno dei suoi punti di forza è sicuramente la strategia con cui sfida la concorrenza. I competitor finiti sotto i suoi potentissimi radar sono già diversi: uno dei primi è stato Instagram, acquistato direttamene da Facebook nel 2012 per la modica cifra di 1 miliardo di dollari e reso ancora più forte di quanto non fosse prima, grazie anche ad uno dei suoi ultimi aggiornamenti: le Instagram Stories. L’estate scorsa ha infatti “copiato” un po’ il nemico Snapchat, condannandolo ad una morte certa, o quasi, e fa un po’ sorridere pensare che il co-fondatore dell’applicazione con il fantasma, Evan Spiegel, nel 2013 ha rifiutato la bellezza di 3 miliardi di dollari per l’acquisto da parte di Mark, affermando che “sono pochi per la mia app”. Risultato? Instagram – e ora anche Facebook – ha incorporato il suo elemento distintivo, facendo così calare drasticamente l’utilizzo di Snapchat da parte dei giovani utenti.

Non contento, poco dopo, Mark ha puntato un altro social, LinkedIn, implementando tra le tante feature di Facebook la possibilità di offrire e cercare posti di lavoro. Per saperne di più potete leggere il nostro recente articolo cliccando qui.

Ma ovviamente non si ferma qui: se li utilizzate spesso, nelle ultime settimane avrete visto un aggiornamento dietro l’altro nei suoi due social network – compreso WhatsApp – sintomo che i giochi non sono ancora terminati, anzi, forse sono solo appena iniziati. Avete visto com’è cambiato da desktop lo strumento di ricerca di Facebook? Non vi ricorda un po’ quello di Google? Avete notato, infine, quanto sta puntando sulle notizie e sulla lotta alle fake news? È proprio di questi ultimi giorni la nuova icona a forma di razzo, visibile nella versione mobile di Facebook, che porta tutti gli utenti in un secondo news feed colmo di articoli e video selezionati direttamente da FB.

Insomma, piano piano, anno dopo anno, aggiornamento dopo aggiornamento, Mark Zuckerberg si sta trasformando in…Internet. Tenetevi pronti e per rimanere aggiornati sulle sue novità seguiteci sulla nostra pagina!

Matteo

Snapchat: la possibile fine di un fenomeno?

Chi si accontenta gode” recita un celebre proverbio, ed è forse ciò che avrebbero dovuto fare Bobby Murphy e Evan Spiegel, fondatori del celebre servizio di messaggistica nato nel 2011, quando Mark Zuckerberg ha bussato alla loro porta con l’intenzione di acquistare la start up da loro ideata, mettendo sul piatto un’offerta pari a 3 miliardi di dollari, che però è stata rispedita al mittente.

Un rifiuto che, perlomeno fino a qualche mese fa, sembrava dare ragione agli ambiziosi Murphy e Spiegel, con il successo che negli ultimissimi anni questo social network ha riscosso (con ricavi per oltre 400 milioni di dollari l’anno).

Dopo aver incassato il secco “no”, Mark Zuckerberg, nel 2014, aveva già provato a “mettere i bastoni fra le ruote” a Snapchat con due applicazioni (Poke e Slingshot), ma senza successo. Se dunque i precedenti tentativi si erano rivelati degli autentici “buchi nell’acqua”, così non è stato con l’ultima trovata (o ultime trovate) pensate ed attuate da Zuckerberg e soci: la nascita, nell’agosto del 2016, delle Instagram Stories, ovvero di una nuova funzionalità della popolare piattaforma di condivisione immagini che permette di pubblicare foto e video a tutti i propri follower per le successive 24 ore, con una “ispirazione” a Snapchat che pare chiara ed evidente (allo stesso tempo, la crescita degli utenti di Snapchat è entrata in fase di stallo nella seconda metà dell’anno); questa nuova funzione di Instagram raccoglie subito un successo enorme, con l’attuale statistica di 150 milioni di users al giorno.

In precedenza abbiamo parlato di “trovate” non a caso, perché, visto il successo ottenuto con le Instagram Stories, anche Facebook ha da pochissimo lanciato le Facebook Stories, con la possibilità di pubblicare sequenze di fotografie e video che scompaiono dopo 24 ore, senza che queste compaiano nel profilo, salvo che l’utente non decida di mostrarle anche lì.

Secondo una ricerca condotta da TechCrunch, da agosto a novembre 2016, i visitatori unici medi per Snapchat Stories sono diminuiti del 40%. A volte, chi si accontenta gode.

Enrico