Arriva Spark, il social network di Amazon

social_amazon.jpg

Giusto settimana scorsa vi ho parlato di alcuni nuovi social network nati negli ultimi mesi. Ecco, a quella lista se ne aggiunge un altro bello grosso, in quanto di proprietà di un colosso mondiale: Amazon.

Il noto sitoweb su cui giornalmente milioni e milioni di utenti acquistano ogni tipo di cosa, ha deciso di realizzare un social che permetterà ai propri di postare foto e video di ogni tipo, con la possibilità di aggiungere link diretti all’e-commerce americano. Gli iscritti potranno ovviamente dare una valutazione ad ogni prodotto postato, con un like, un commento o uno smile.

Spark

Amazon Spark is a place to discover things from people who share your interests”, così è definita questa sorta di ibrido tra Instagram e Pinterest che, attualmente, è disponibile solo negli Stati Uniti per i clienti Prime con dispositivi iOs, anche se probabilmente nei prossimi mesi si estenderà maggiormente.

Un interessante novità per Amazon, ma avrà vita lunga questo nuovo social network? Staremo a vedere e per rimanere aggiornato continua a seguirci!

 

Matteo

Annunci

5 nuovi social network diversi dal solito…

gestione_social.jpg

Settimanalmente leggo di nuovi social network lanciati sul “mercato” da start-up o da imprenditori vogliosi di aumentare in qualche modo il proprio fatturato. Ho pensato, perciò, di farvene vedere qualcuno che magari potrà interessarvi o vi farà semplicemente dire “machissenefrega Matteo, non hai niente di meglio da fare?”. La risposta è no e, così, eccovi qua questi 5 social diversi dal solito:

FirstLife

Un social estremamente locale: First Life è infatti rivolto a utenti e operatori di iniziative e progetti piemontesi. Sviluppato di recente dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino, permetterà di sostenere le reti culturali e turistiche del Piemonte. Per maggiori informazioni sul “social network civico” cliccate qui.

Facecjoc

È il social network italiano dei dialetti, ideato dall’informatico Gianluca De Bortoli per offrire ai suoi utenti traduzioni locali e alcune caratteristiche da sempre desiderate da chi utilizza quelli più famosi: il tanto bramato tasto Non Mi piace sui post, la possibilità di personalizzare graficamente il proprio profilo e il dato su chi l’ha effettivamente visitato. Se siete in qualche modo interessati, iscrivetevi qui.

Lego Life

Questo è dedicato a tutti i bambini fan dei mattoncini colorati più famosi al mondo che, grazie a questo nuovo social ideato da Lego, potranno connettersi con coetanei in diversi Paesi del mondo per condividere le proprie migliori costruzioni. Niente info personali o immagini vere, ma soltanto mattoncini. Trovate Lego Life nel vostro app store.

BePuppy

Dai bambini agli animali domestici, ecco BePuppy, un social esclusivamente dedicato a chi possiede un cane, un gatto, un coniglio, un ermellino, un coccodrillo etc… Con il supporto di blog con informazioni utili e una funzione di geolocalizzazione unita al servizio di alert – utile in caso di animali ritrovati o segnalazioni di pericolo – sta ricevendo molti consensi. Per iscrivere il vostro amato animale cliccate qui.

NerdUs

Chiudiamo con un altro social network italiano, aperto proprio in questi giorni, per la precisione il 15 luglio. Come potete immaginare dal nome, è centrato principalmente sul mondo dei videogame ed è stato ideato per un obiettivo: “creare uno spazio internet, dove nessuna persona venga offesa, derisa o trascurata solo perché gioca ai videogame ed è distante dal mondo della realtà”. Amici nerd interessati, cliccate qui.

Qual è il vostro preferito? Se ne conoscete altri fateceli sapere sulla nostra pagina Facebook!

 

Matteo

 

L’impero di Facebook si amplia sempre di più: conquistata la Champions League!

zuckerberg_direttachampions.jpg

Big news in questi giorni dagli Stati Uniti sul fronte Facebook: dopo aver dichiarato i miglioramenti in arrivo per i Gruppi, come per esempio gli insight e i filtri di ammissione, e il cambiamento della mission del colosso social – “dare alle persone il potere di costruire comunità e avvicinare il mondo” – Mark Zuckerberg ha deciso di entrare a gamba tesa nello sport più popolare al mondo, il calcio.

Mentre si stanno per concludere gli Europei Under 21 e il caso Donnarumma diventerà presto un nuovo episodio de La Signora In Giallo, Mark ha siglato un accordo che nei prossimi anni stravolgerà il mondo delle dirette televisive del pallone: le gioie e dolori della Champions League potranno essere assaporate comodamente su Facebook, GRATIS!

Come aggratis? Le varie emittenti televisive si scannano ogni anno per averne i diritti on demand e Facebook le trasmetterà gratuitamente? Sì! E come? Grazie allo strumento che in ogni secondo lo arricchisce, le pubblicità!

Per ora questo è un accordo riservato solo agli utenti statunitensi, siglato con Fox Sports, il cui responsabile delle attività di business, David Nathanson, ha giustificato così tale decisione:

Facebook ha una delle maggiori audience di tifosi di calcio nel mondo e questo permetterà di far vedere la Champions League anche ai tifosi che non sono sintonizzati sulla partita in TV”.

Questo permetterà, dunque, ai fan di Real Madrid, Barcellona e compagnia bella, di poter guardare grazie a Facebook Live due match di ciascuna giornata nella fase a gironi, quattro gare negli ottavi di finale e altre quattro gare nei quarti di finale. Di più di quanto fa Mediaset, per intenderci…

Va be, io sono italiano e milanista e quindi per un po’ questa novità non mi toccherà di striscio, però sancisce ancora una volta la potenza galattica di questo social network che piano piano ingloba dentro di se ogni cosa, avvicinandosi così a una sorta di conquista del mondo intero. Cosa ne pensate? Fatecelo sapere, ovviamente sulla nostra pagina Facebook!

 

Matteo

Facebook è per ragazzini? Se lo pensi, sbagli di grosso!

blog.jpg

È un pensiero abbastanza comune che Facebook sia un social network per ragazzini, dovuto probabilmente ai vari genitori e parenti ormai abituati a vedere i propri figli e nipoti connessi giornalmente sul social network più famoso al mondo.

Ecco, non c’è niente di più sbagliato e la conferma è una recente indagine ad opera del noto blog di settore – Vincos – secondo cui in Italia il 53% degli utenti di Facebook ha più di 35 anni. Guardando il grafico seguente, inoltre, si nota come le fasce d’età comprese trai 36-55 anni siano nettamente superiore a quelle “solitamente” considerate più social, ossia gli adolescenti.

FB_italia.png

Quali sono, quindi, le opportunità per le aziende nel nostro Paese?

La comunicazione su Facebook diventa una prerogativa (analizzando comunque a priori il proprio settore e cliente tipo) supportandola, magari, da campagne di advertising per fascia d’età. Perché come ormai è ben noto – forse – se non paghi, Mark Zuckerberg i tuoi post non li fa vedere a nessuno, o quasi.

Capite, quindi, che Facebook non è per ragazzini e iniziate ad utilizzarlo al meglio: permette di tenervi aggiornati giornalmente su tutto il mondo, basta mettere il like a delle pagine (giuste) ed evitare di stringere amicizia con qualche “analfabeta funzionale” e il gioco è fatto. Se poi avete una pagina aziendale con qualcosa di interessante da dire/offrire, le opportunità aumentano esponenzialmente.

Se dopo aver letto ciò, volete portare anche la vostra azienda nel mondo di Facebook, contattateci e potremo darvi una mano!

 

Matteo

La crescita inarrestabile di Instagram: raggiunta quota 700 milioni di utenti!

unnamed.png

Duecento milioni di persone in meno di un anno. Si avete letto bene: 200.000.000 di persone! A cosa ci stiamo riferendo? Agli utenti conquistati da Instagram nel giro di 10 mesi!

Era il giugno dell’anno scorso, quando l’app di proprietà di Facebook ha raggiunto il traguardo di mezzo miliardo di utenti ma ciò, ovviamente, rappresentava solo una tappa del suo lungo percorso trionfale. Come è ormai ben noto, infatti, un paio di mesi dopo sono state introdotte le Stories, ampliando così i già vasti orizzonti di Instagram e, soprattutto, mettendo i bastoni nelle ruote al diretto concorrente, Snapachat (RIP).

wersm-instagram-growth-curve.png

Ora siamo alla fine di aprile, 10 mesi dopo, e ci siamo già messi alle spalle un’altra novità, le dirette Live. Giorno dopo giorno, aggiornamento dopo aggiornamento, Instagram ha raggiunto così quota settecento milioni (il doppio di Twitter e circa tre volte Snapachat), e la sua crescita sembra veramente senza fine: dati alla mano, se mantenesse la crescita di questi ultimi mesi, l’app per foto e video raggiungerà quota un miliardo di utenti nel giro di un anno, rendendo ancora più felice (e ricco) Mark Zuckerberg, che già gongola per bene con i 1,2 miliardi di WhatsApp e – rullo di tamburi – i 1,9 miliardi di Facebook.

Insomma, da quando il celebre social con sede a Menlo Park, California, l’ha acquisita, Instagram è diventata sempre più forte: boomerang, direct, storie, live sono probabilmente solo alcune delle innumerevoli novità che avremo tra le mani nei prossimi mesi, quindi teniamoci pronti a correre sull’App Store per scaricare i prossimi aggiornamenti. E voi ce l’avete Instagram? Noi 🙂

Matteo

I Doodle: l’arte della celebrazione di Google

Google-Pacman-.png

Mentre Google decide di darci l’opportunità di diventare disegnatori professionisti, continua ogni giorno ad offrire dei nuovi Doodle in tutto il mondo, ossia delle rivisitazioni del suo logo per celebrare personaggi storici, eventi e ricorrenze varie.

Tra un gioco interattivo e un video musicale andiamo allora a vedere qualcuno dei migliori Doodle creati nel corso degli anni dal colosso informatico statunitense, con l’obiettivo di informare e far divertire i propri utenti:

Un film per ricordare Charlie Chaplin

Charlie Chaplin è sicuramente uno degli attori e cineasti più importanti e influenti di sempre e Google, ovviamente, lo sa. Per questo motivo nel 2011 ha deciso di festeggiare il suo compleanno trasformando il logo in un vero e proprio cortometraggio per ricordare un personaggio che ha fatto la storia del cinema. Se non l’avete visto, mettetevi comodi e godetevolo!

Tanti auguri, Freddie Mercury!

Ripercorrere la vita di Freddie Mercury in meno di due minuti? Google l’ha fatto, sulle note di “Don Stop Me Now” e con un doodle animato per festeggiare il sessantacinquesimo compleanno di una delle più grandi star del rock mondiale, se non la più grande. Buon ascolto!

Gioca con il Cubo di Rubik!

Il Cubo di Rubik è uno dei giochi più famosi al mondo, facile per alcuni, quasi impossibile per tutti gli altri. Per i suoi 40 anni, Google lo ha trasformato in un Doodle interattivo e c’è anche chi l’ha risolto in 13 secondi…

30° anniversario di PacMan

Questo è sicuramente uno dei doodle più apprezzati, da giovani e non: per festeggiare PacMan, infatti, Google ha riportato lo storico videogame sulla propria homepage, permettendo a chiunque di provare l’ebbrezza di scappare da quei dannati fantasmi colorati!

Robert Moog, pioniere della musica elettronica

Per tutti gli amanti della musica elettronica e non solo, Google ha celebrato il settantottesimo compleanno di Robert Moog con lo storico sintetizzatore da lui creato. Scommetto che chiunque l’abbia visto si sia divertito a schiacciare i tasti, anche a caso (come il sottoscritto ☺)

I doodle per le Olimpiadi trasformati in un’applicazione!

Come spesso accade per gli eventi sportivi, Google l’estate scorsa ha personalizzato i propri doodle con i diversi sport delle Olimpiadi. Per Rio 2016, tuttavia, ha deciso di fare le cose in grande, realizzando perfino un app game per iOs e Android, a tema olimpico e che permetteva agli utenti di giocare a tennis, golf, pallanuote etc…con la frutta! 

Ce ne sarebbero anche tanti altri, ma abbiamo preferito farvi vedere quelli più divertenti o dal contenuto multimediale più particolare. Per vederli tutti cliccate qui e se ne avete uno che preferite maggiormente, fatecelo sapere sulla nostra pagina Facebook!

Matteo

I brand e le campagne per Pasqua

Pasqua

Se uno pensa alla festività nazionale maggiormente sfruttata dai brand per vendere di più i propri prodotti, la prima che gli viene in mente è senza dubbio il Natale. Tuttavia, anche la sua “collega” Pasqua non è da meno.

Ci sono, infatti, diverse aziende, internazionali e locali, che hanno sfruttato il coniglio e le uova pasquali per ottenere maggior visibilità e/o aumentare i propri incassi. Andiamo a vedere assieme qualche campagna pasquale degna di essere ricordata:

Il gorilla di Aldi

Aldi è una multinazionale tedesca che per la Pasqua dell’anno scorso ha ideato uno spot divenuto in poco tempo virale sui social network. Nel video si vede uno skillatissimo gorilla che, dopo aver visto i vantaggiosi prezzi offerti dalla suddetta azienda, tira fuori il Travis Berker che c’è in lui e inizia a suonare la batteria.

Ecco così creato un video semplice e divertente: una scelta che molto spesso premia, soprattutto sui social network!

Asda e una gallina di cioccolato gigante

Ora vi proponiamo un altro video divertente, ma meno semplice – in termine di produzione – di quello precedente. Stiamo parlando dello spot per la scorsa Pasqua realizzato da Asda, catena di supermercati inglese che, per l’occasione, ha deciso di sorprendere i propri clienti con una gallina di cioccolato gigante, creando l’apposito hashtag, #GiantHen. Guardate com’è andata:

Un bar di cioccolato per gustarsi una birra Carlsberg

Nel marzo dell’anno scorso, la Carlsberg ha deciso di sfruttare il trend di Pasqua – il cioccolato – per sorprendere anche lei i propri fan e clienti. Nel bel mezzo di Londra ha dato vita ad un temporary bar di cioccolato, giocando appunto sulla parola bar che sta sia per locale che per barretta, iniziando così a spillare fiumi di birra in speciali boccali di cioccolato.

Queste le parole del brand manager Dharnesh Rana: “Sappiamo che il pubblico britannico ama la birra e il cioccolato, così siamo stati felicissimi di poter offrirgli quello che probabilmente è il miglior bar che potessero trovare…”. Sì, probabilmente lo è stato!

La caccia al tesoro di Tesco

Utilizzare una tradizione pasquale per portare gente nel proprio negozio? Tesco l’ha fatto nel modo giusto!

Per la Pasqua del 2013 ha ideato una particolarissima caccia al tesoro sulle mappe di Google, avviabile da una landing page apposita su cui l’utente poteva tranquillamente navigare per trovare migliaia di uova pasquali sparse in tutta la Gran Bretagna. Se ne trovava tre, riceveva in palio un coniglio di cioccolato ritirabile in uno dei diversi punti vendita Tesco. Good job!

Uova giganti nel lago di Loch Ness!

Ecco ora una delle campagne pasquali più peculiari.

Cadbury, azienda britannica specializzata nel cioccolato, l’anno scorso ha posizionato tre uova giganti all’interno del lago di Loch Ness, facendole emergere dall’acqua come se fosse proprio il famosissimo mostro. Le tre uova erano alte come il tipico autobus londinese a due piani (circa 4 metri) e pesavano, rispettivamente, nove, quattro e sei tonnellate. Ci dispiace per la gallina che le ha dovute partorire ☺

Questa bella iniziativa faceva parte, inoltre, dalla campagna “Bunny’s been busy”, che coinvolgeva i fan del brand con diverse uova posizionate in altre parti del Paese.

Cadbury uova

Un’app che trasforma i tuoi gatti in… conigli!

Concludiamo con quella meno sorprendente ma non meno efficace, almeno come idea.

Whiskas, azienda produttrice di cibo per gatti, per Pasqua ha ideato un’applicazione che coinvolgeva direttamente questi amati animali domestici. L’app, infatti, permetteva agli utenti di caricare le foto dei propri felini, personalizzandole con orecchie da coniglio e altri effetti speciali.

In un’epoca in cui i gatti sono trai trend topic sui social e in cui quasi tutti si divertono a modificare le foto con filtri, adesivi e compagnia bella, diciamo che Whiskas ha perfettamente colto la palla al balzo, senza investire chissà quanto denaro…

App gatti Pasqua.png

Qual è la vostra preferita? Fatecelo sapere sulla nostra pagina Facebook!

Buona Pasqua a tutti!

 

Matteo