Le funzioni nascoste di Facebook: il Trova Wi-Fi

facebook_wifi.jpg

Quasi giornalmente il nostro app store di fiducia ci offre degli aggiornamenti per Facebook, spesso irrilevanti (piccoli bug) ma a volte importanti e ricchi di novità a livello di usabilità e layout. Tra questi ultimi, tuttavia, ce ne sono alcuni che vengono introdotti in sordina, senza dichiarazioni di facciata o cose simili: un esempio è la funzione Trova Wi-Fi, introdotta di recente e pronta ad offrire diversi vantaggi sia per utenti che per aziende.

Come? Andiamo a scoprirlo assieme!

Facebook_Trova_Wi-Fi.jpg

Innanzitutto, cliccando da mobile sull’icona del menù in alto a destra – sì, Facebook ha di recente cambiato un’altra volta il suo layout – e scorrendo in basso col dito, troverete la voce Trova Wi-Fi (novità) che permette di trovare “wi-fi pubblico e gratis ovunque tu sia”. Per usufruire del servizio bisogna, ovviamente, fare quella cosa che non tutti amano: attivare perennemente la localizzazione sul social con la f bianca su sfondo blu.

Dopo questo click decisivo, avrete tra le mani una mappa che vi mostrerà locali, negozi e luoghi pubblici presenti nelle vicinanza e provvisti di una connessione gratuita a.k.a. il desiderio più grande di uno smartphone addicted del 2017, 2018, 2019, 2020….

Un vantaggio enorme per l’utente medio di FB, ma non solo! Grazie a questo servizio, i proprietari dei locali e negozi con free wi-fi potranno mettere a disposizione degli utenti informazioni come nome, tipologia di locale e orari di apertura e, soprattutto, hanno la possibilità di attirare “gratuitamente” nuovi potenziali clienti!

Trova Wi-Fi è già disponibile da qualche settimana sull’app di Facebook sia iOs che Android e chissà che in futuro non porterà con sé altre novità. Restate connessi sulla nostra pagina Facebook per saperlo!

 

Matteo

Arriva Spark, il social network di Amazon

social_amazon.jpg

Giusto settimana scorsa vi ho parlato di alcuni nuovi social network nati negli ultimi mesi. Ecco, a quella lista se ne aggiunge un altro bello grosso, in quanto di proprietà di un colosso mondiale: Amazon.

Il noto sitoweb su cui giornalmente milioni e milioni di utenti acquistano ogni tipo di cosa, ha deciso di realizzare un social che permetterà ai propri di postare foto e video di ogni tipo, con la possibilità di aggiungere link diretti all’e-commerce americano. Gli iscritti potranno ovviamente dare una valutazione ad ogni prodotto postato, con un like, un commento o uno smile.

Spark

Amazon Spark is a place to discover things from people who share your interests”, così è definita questa sorta di ibrido tra Instagram e Pinterest che, attualmente, è disponibile solo negli Stati Uniti per i clienti Prime con dispositivi iOs, anche se probabilmente nei prossimi mesi si estenderà maggiormente.

Un interessante novità per Amazon, ma avrà vita lunga questo nuovo social network? Staremo a vedere e per rimanere aggiornato continua a seguirci!

 

Matteo

5 nuovi social network diversi dal solito…

gestione_social.jpg

Settimanalmente leggo di nuovi social network lanciati sul “mercato” da start-up o da imprenditori vogliosi di aumentare in qualche modo il proprio fatturato. Ho pensato, perciò, di farvene vedere qualcuno che magari potrà interessarvi o vi farà semplicemente dire “machissenefrega Matteo, non hai niente di meglio da fare?”. La risposta è no e, così, eccovi qua questi 5 social diversi dal solito:

FirstLife

Un social estremamente locale: First Life è infatti rivolto a utenti e operatori di iniziative e progetti piemontesi. Sviluppato di recente dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino, permetterà di sostenere le reti culturali e turistiche del Piemonte. Per maggiori informazioni sul “social network civico” cliccate qui.

Facecjoc

È il social network italiano dei dialetti, ideato dall’informatico Gianluca De Bortoli per offrire ai suoi utenti traduzioni locali e alcune caratteristiche da sempre desiderate da chi utilizza quelli più famosi: il tanto bramato tasto Non Mi piace sui post, la possibilità di personalizzare graficamente il proprio profilo e il dato su chi l’ha effettivamente visitato. Se siete in qualche modo interessati, iscrivetevi qui.

Lego Life

Questo è dedicato a tutti i bambini fan dei mattoncini colorati più famosi al mondo che, grazie a questo nuovo social ideato da Lego, potranno connettersi con coetanei in diversi Paesi del mondo per condividere le proprie migliori costruzioni. Niente info personali o immagini vere, ma soltanto mattoncini. Trovate Lego Life nel vostro app store.

BePuppy

Dai bambini agli animali domestici, ecco BePuppy, un social esclusivamente dedicato a chi possiede un cane, un gatto, un coniglio, un ermellino, un coccodrillo etc… Con il supporto di blog con informazioni utili e una funzione di geolocalizzazione unita al servizio di alert – utile in caso di animali ritrovati o segnalazioni di pericolo – sta ricevendo molti consensi. Per iscrivere il vostro amato animale cliccate qui.

NerdUs

Chiudiamo con un altro social network italiano, aperto proprio in questi giorni, per la precisione il 15 luglio. Come potete immaginare dal nome, è centrato principalmente sul mondo dei videogame ed è stato ideato per un obiettivo: “creare uno spazio internet, dove nessuna persona venga offesa, derisa o trascurata solo perché gioca ai videogame ed è distante dal mondo della realtà”. Amici nerd interessati, cliccate qui.

Qual è il vostro preferito? Se ne conoscete altri fateceli sapere sulla nostra pagina Facebook!

 

Matteo

 

Ferie in arrivo? Ecco alcuni consigli per la tua pagina social aziendale!

gestione_social_estate

Siamo nel bel mezzo dell’estate, ogni mattina è una disgrazia indossare un pantalone lungo o una camicia – fortunatamente non è il mio caso – e le ferie si avvicinano sempre di più. Con i colleghi state già parlando delle spiagge che visiterai o del dolce cazzeggio che accompagnerà le tue lunghe giornate di metà agosto. Ma aspetta, ad una cosa non avete ancora pensato: ai social network dell’azienda!

Cosa fare con le pagine Facebook e compagnia bella? Chi pubblicherà i post? Perderò follower?!?!?1?1!

Sono queste le domande tipiche di chi si preoccupa all’ultimo dei social della propria azienda, ma è un bene dai, vuol dire che un po’ ci tiene 🙂 Se ve le siete poste, non temete che le risposte ci sono!

Se non vendete prodotti estivi, organizzi viaggi o gestisci parchi acquatici, probabilmente agosto è il mese in cui le vostre pagine (e i fan) si possono prendere un po’ di “riposo”, annunciabile in anticipo con un post relativo alla chiusura per ferie e ribadito a ridosso dell’ultimo giorno di lavoro, così magari vi evitate chiamate sul cellulare mentre siete in spiaggia a bervi una moscow mule con tanto di ombrellino rosa.

giphy (3)

Se, invece, avete aggiornamenti, prodotti, servizi che vi interessa comunicare anche durante le fiere – così da mantenere costante la presenza sui social che male non fa – esistono diversi programmi di scheduling, ossia di programmi che ti permettono di organizzare la condivisione automatica dei post sulle principali piattaforme social, escluso Instagram. Il nostro preferito è Hootsuite, ma ce ne sono tanti altri come per esempio Buffer ed EveryPost.

Perciò, se decidete di continuare a pubblicare, pensate per bene a dei post per il periodo in cui sarete in ferie, magari dal gusto estivo o comunque non troppo specifici e noiosi, visto che è molto probabile che anche i vostri fan/clienti lo saranno. Vedrete che quando tornerete dalle vacanze ai vostri follower sembrerà che voi abbiate passato tutto agosto in ufficio… lol

Altrimenti, esistono sempre dei social media manager che fanno tutto questo arduo compito al posto vostro. Contattateci per saperne di più!

 

Matteo

Governo Vs. web influencer!

instagram ad.jpg

Se avete un profilo Instagram e seguite qualche star – o presunta tale – dello showbiz, avrete sicuramente visto una loro foto in pose “seducenti” con in mano qualche prodotto, accompagnate da un testo totalmente diverso dai loro soliti e con taggato il brand che l’ha realizzato.

Ecco, questo è il pane quotidiano dei vari influencer sparsi nel mondo, capeggiati nel nostro Paese dalla futura signora Fedez, Chiara Ferragni, che quasi giornalmente guadagnano fior fior di quattrini con delle semplici foto pubblicate sui loro profili social.

In questi giorni, in parlamento, si è discusso proprio di questo argomento e con 218 voti favorevoli è passato il testo per la regolamentazione dei web influencer. Perché ciò? Perché questi super vipsss guadagnano diversi eurini grazie ad una sorta di pubblicità occulta e non regolata e, infatti, da diverso tempo Agcom e Antitrust volevano intervenire sul tema, come tra l’altro è già stato fatto all’estero.

L’Unione Nazionale Consumatori ha così spiegato tale provvedimento:

Grazie alla nostra sollecitazione, Sergio Boccadutri ha presentato un ordine del giorno che è stato approvato durante l’esame del ddl Concorrenza sul tema della pubblicità promossa in modo occulto dai web influencer. Il nostro obiettivo è avere regole chiare che, accanto ad ogni foto sponsorizzata, compaia sempre una didascalia che informi correttamente del carattere promozionale del messaggio”.

Hola Chicas 🌸 la freschezza del Tropical per continuare il mio percorso Detox di @fittea.it anche a Ibiza 🌴 Mai fermarsi soprattutto d'estate👙 #tropical #ad

Un post condiviso da Belén Rodriguez 🇦🇷🇮🇹 (@belenrodriguezreal) in data:

D’ora in poi, dunque, ogni post di questa tipologia pubblicato da Belen e compagnia bella dovrà essere obbligatoriamente accompagnato dall’hashtag #ad – ovvero advertising, come potete vedere sopra – ma è probabile che in futuro le restrizioni saranno anche maggiori.

Restate connessi sulla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati! #ideagency

 

Matteo

Facebook è per ragazzini? Se lo pensi, sbagli di grosso!

blog.jpg

È un pensiero abbastanza comune che Facebook sia un social network per ragazzini, dovuto probabilmente ai vari genitori e parenti ormai abituati a vedere i propri figli e nipoti connessi giornalmente sul social network più famoso al mondo.

Ecco, non c’è niente di più sbagliato e la conferma è una recente indagine ad opera del noto blog di settore – Vincos – secondo cui in Italia il 53% degli utenti di Facebook ha più di 35 anni. Guardando il grafico seguente, inoltre, si nota come le fasce d’età comprese trai 36-55 anni siano nettamente superiore a quelle “solitamente” considerate più social, ossia gli adolescenti.

FB_italia.png

Quali sono, quindi, le opportunità per le aziende nel nostro Paese?

La comunicazione su Facebook diventa una prerogativa (analizzando comunque a priori il proprio settore e cliente tipo) supportandola, magari, da campagne di advertising per fascia d’età. Perché come ormai è ben noto – forse – se non paghi, Mark Zuckerberg i tuoi post non li fa vedere a nessuno, o quasi.

Capite, quindi, che Facebook non è per ragazzini e iniziate ad utilizzarlo al meglio: permette di tenervi aggiornati giornalmente su tutto il mondo, basta mettere il like a delle pagine (giuste) ed evitare di stringere amicizia con qualche “analfabeta funzionale” e il gioco è fatto. Se poi avete una pagina aziendale con qualcosa di interessante da dire/offrire, le opportunità aumentano esponenzialmente.

Se dopo aver letto ciò, volete portare anche la vostra azienda nel mondo di Facebook, contattateci e potremo darvi una mano!

 

Matteo

Hai una pagina social aziendale? Ecco come (non) pubblicare i tuoi post!

img_socialpost.jpg

Fare il social media manager, in fondo in fondo, è un bel lavoro, soprattutto quando devi fare l’assessment delle pagine social dei customer e dei suoi competitor. Sì, ho usato queste parole solo per essere cool, va così di moda esserlo…

Bazzicando tra un settore e l’altro dell’industria locale se ne vedono veramente delle belle: tra sharelink (altra parola cool) con l’url sia nel titolo che nella descrizione e immagini di ruspe pubblicate alle 2 di notte, ce ne è di materiale che ti strappa sicuramente un sorriso e ti fa capire che forse, questo lavoro, può essere d’aiuto a molte persone/aziende.

Noi di Ideagency crediamo fortemente nella potenza comunicativa dei vari social network e, per questo motivo, vogliamo fornirvi alcuni consigli su come far valere il tuo vantaggio competitivo nelle pagine di Facebook, LinkedIn, Instagram etc. :

  1. Pensa bene a cosa vuoi scrivere e al perché lo vuoi scrivere: se pensi che il post che hai tanta voglia di pubblicare possa interessare alla tua schiera di “fan”, o a parte di essa, e/o possa fornirgli un beneficio (anche solo strappargli un sorriso) allora vai! Ricordati però che all’utente medio piacciono principalmente due cose: ridere e, sfortunatamente, fare polemica, quindi occhio a quelli che pubblichi!
  2. Pubblica i post ad un orario decente: già hai pochi fan e gli algoritmi dei social network non ti premiano, cosa diavoli pubblichi i tuoi prodotti la notte fonda o la mattina alle 6? Non è forse meglio pubblicarli in un orario in cui i tuoi “fan” sono più facilmente connessi?
  3. Evitare post chilometrici: le varie statistiche pubblicate sull’internet dimostrano che i contenuti che ottengono più successo sui social network sono quelli con meno testo, in particolare sotto i 70 caratteri. Le persone passano la maggior parte del tempo sui social per svago e hanno solo voglia di piazzare like e guardare immagini e video, non di leggere dei saggi brevi. Cerca di essere sintetico – con criterio – e rimanda sul sito o altre piattaforme per ulteriori informazioni.
  4. Call to action: dai un motivo ai fan per leggere il tuo post e/o svolgere un’azione (click al tuo sito web, iscrizione alla newsletter etc.), fagli una domanda e cerca di attirare il loro interesse e vedrai che sarà più facile ricevere una loro “interazione”.
  5. Seleziona attentamente le immagini: evita, per favore, di pubblicare immagini sgranate, mosse, più piccole di un francobollo o in cui si vede più il tuo dito che il soggetto dell’immagine. Ah, ovviamente, evita i Buongiornissimo Kaffèèè!1!1! e compagnia bella, grazie!
  6. Hashtag: questi amati # servono per ampliare il raggio d’azione dei tuoi post o per racchiuderli sotto un unico hashtag riconoscitivo. Escludendo Instagram e Twitter, negli altri social tuttavia non servono più di tanto, quindi non abusatene!

Di consigli ce ne sarebbero anche tanti altri, ma già tenere a mente questi 6 punti potrà esservi d’aiuto nel comunicare correttamente la vostra azienda e i vostri prodotti sui social network. Se avete dubbi o informazioni al riguardo, o volete affidarvi a noi per compiere questo arduo compito, contattateci e saremo felicissimi di darvi una mano (e un like 😉 )

 

Matteo